Ferrovie d'oggi: «Pescara- Sulmona, 68 km in 100 minuti»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3020

LA PROTESTA. ABRUZZO. Con il nuovo cambio degli orari dei treni i tempi di percorrenza aumenteranno ancora di più e per fare appena 68 km si impiegheranno oltre 100 minuti. E' ormai da qualche mese che la Federconsumatori Abruzzo raccoglie tutta la preoccupazione degli utenti delle ferrovie regionali.
I pendolari hanno purtroppo imparato a loro spese che ad ogni cambio d'orario la situazione non può che peggiorare. «La conferma», spiega l'associazione, «arriva dalle voci non confermate (ma quando saranno confermate sarà troppo tardi per rimediare) relative al servizio sulla linea Pescara-Sulmona. Sembra che con l'orario che andrà in vigore dal 9dicembre prossimo vengano soppressi altri due treni: il 3184 ( Sulmona 5.10 – Pe 6.12 ) e il 7051 ( Pe 21.50 – Sul. 23.01 )».
Questi treni rappresentano il primo collegamento mattutino verso Pescara, e l'ultimo da Pescara verso Sulmona. Collegamenti che oltre a svolgere una funzione locale, sono utili anche per raccordare l'entroterra con i treni diretti verso il nord e verso il sud.
«Continuando a falcidiare i treni scarsamente frequentati», spiega il presidente Tino Di Cicco, «si finirà col far diventare anche gli altri treni "scarsamente frequentati"». La clientela dei due treni in via di soppressione sarà costretta ad utilizzare mezzi di trasporto privati per garantirsi la mobilità, con la conseguenza che i viaggiatori che mancheranno su quei due treni, mancheranno anche ai corrispondenti treni utilizzati, i quali saranno poi anch'essi "scarsamente utilizzati"».
Sempre da voci non smentite, sembra che i treni 12136 (Sulmona 6.40 – Pescara 7.52), 2375 (PE- 1410 – Sul. 15.17), 3227 (PE – 17.20 – Sul. 18.40) e 21540 (PE 14.38 – Sul. 16.03) con il prossimo orario saranno costretti a subire un ulteriore allungamento di percorrenza.
Questi treni, che talvolta impiegano già oltre ottanta minuti per percorrere i 68 km che separano Pescara da Sulmona, con il prossimo orario vedranno aumentare ancora la durata del tempo di percorrenza.
Ancora un piccolo sforzo e i treni regionali impiegheranno oltre 100 minuti per collegare Pescara a Sulmona. «Neanche nel 1890 ci voleva tanto», continua Di Cicco. «Sarebbe auspicabile che la comunità degli abruzzesi, i quali tramite l'Assessore Regionale ai Trasporti finanziano il servizio con oltre 40 milioni di euro, venga informata tempestivamente dell'ulteriore disservizio che Trenitalia sta approntando per i suoi "clienti"». All'associazione, intanto, è arrivata una petizione di pendolari per impedire che si realizzi «questo ulteriore danno». La petizione è corredata da oltre 100 firme; «non sarebbe male se l'Assessore delegato alle politiche della mobilità facesse sentire la sua voce per tutelare sia gli abruzzesi coinvolti dai disservizi di Trenitalia. Lo stesso assessore sa benissimo che nel Contratto di Servizio sono previste sanzioni contro Trenitalia per le soppressioni dei treni e anche per la riduzione della velocità commerciale. Sarebbe ora di applicare quelle sanzioni, anche perché le altre regioni lo fanno già da tempo e anche molto bene».

29/09/2007 12.00