Viabilità. Finanziamenti dalla Regione per i ponti abruzzesi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1146

ABRUZZO. Risorse per 3.638 mila euro saranno destinate ad interventi sui ponti abruzzesi. Lo ha deciso l'Esecutivo regionale che, per la prima volta, interviene con un vero e proprio piano su un sistema viario che presenta situazioni di «diffusa vulnerabilità». Il piano regionale di miglioramento e adeguamento su infrastrutture strategiche, licenziato dalla Giunta, è stato proposto dall'assessore ai Trasporti e alla Protezione civile, Tommaso Ginoble.
Vi risultano censiti 1156 tra ponti e viadotti in ambito provinciale.
Con la prima tranche di risorse, cofinanziata anche dalle Province, che hanno concertato con la Regione Abruzzo le opere prioritarie sulle quali intervenire, si è deciso di sostenere sia le verifiche tecniche per la valutazione del livello di sicurezza statica su 135 ponti, sia interventi strutturali su 13 ponti. Questi ultimi ricadono nei comuni di Alfedena, Opi, Fossa, L'Aquila (Ponte di Peschio e Ponte Fiume Aterno), Valle Castellana (Ponte Sa Giovanni e Ponte Torrente Castellano), Campli (Ponte Guazzano e Ponte Elvio Campliglio), Cortino, Tossicia, Bisenti, Civitella Del Tronto.
«Si susseguono - ha dichiarato l'assessore Ginoble - segnalazioni relative alla inagibilità o allo stato di danno incipiente di molti dei ponti e viadotti, inseriti nella viabilità maggiore del territorio regionale. Con questo programma - ha specificato l'Assessore - per la prima volta, anche in attuazione del Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, interveniamo sulle situazioni più critiche e procediamo alla verifica statica».
L'assessore Ginoble, accanto ad un problema legato alla sicurezza della strada, ravvisa che «un siffatto scenario potrebbe determinare, in caso di evento sismico, uno stato di seria difficoltà sulla circolazione viaria, con negative ripercussioni anche sulla gestione di possibili connesse situazioni emergenziali».

12/07/2007 10.10