TEATRINI

Chieti: 800 mila in arrivo la alla conferenza-spot D’Alfonso snobba Di Primio

Il sindaco di Chieti: «ineducazione istituzionale»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1080

Chieti: 800 mila in arrivo la alla conferenza-spot D’Alfonso snobba Di Primio

 

CHIETI. Un investimento di 800mila euro da parte della Regione, per finanziare due interventi strategici e molto attesi dalla città di Chieti.

Ieri l’annuncio in pompa magna a Chieti ma alla conferenza stampa c’era un grande assente: il sindaco Umberto Di Primio (c’era invece il consigliere regionale di Forza Italia, Mauro Febbo) che non ha preso bene il fatto di non essere stato convocato.

«Da quando qualcuno ha fatto trapelare la notizia di una mia possibile candidatura alla Presidenza della Regione», fa notare il sindaco di Chieti, «Luciano D’Alfonso, mostrando una ineducazione istituzionale, si reca a Chieti per fare conferenze stampa spot, sue e del suo partito, dimenticando che il Teatro Marrucino è del Comune e che il sindaco della città sono io. Capisco che avrebbe preferito qualche suo scodinzolante adepto, ma i cittadini di Chieti hanno già dato una risposta nel 2015. Se ne faccia una ragione, rispetti i ruoli e la città. Faccia pure le sue conferenze stampa circondato dalla sua corte celeste e coinvolgendo i destinatari degli interventi regionali che, in buona fede e per educazione, si fanno parte dei suoi incontri con gli organi di informazione, ma dia risposte su temi riguardo ai quali la Regione targata D’Alfonso tace».

Di Primio assicura di non sentirsi né piccato per il mancato invito, «ormai una abitudine per D’Alfonso. In ogni caso, l’importante è il Governatore dia risposte sulla Sanità e sul territorio, temi sui quali la Regione targata D’Alfonso, al momento, o tace o ha accumulato solo una serie di promesse».



I SOLDI

Ma quanti soldi arriveranno? Per il bicentenario della fondazione del teatro Marrucino sono stati stanziati 200mila euro, mentre 600mila euro serviranno alla ripavimentazione di via Erasmo Piaggio, nel cuore produttivo della zona industriale di Chieti Scalo.

«Il Marrucino - ha spiegato il governatore - è un'istituzione teatrale, che rappresenta un'officina culturale a servizio non solo del capoluogo teatino, ma dell'intera area urbana Chieti-Pescara. Era nostro dovere assegnare questo contributo, che non solo rende scorrevole l'allestimento delle celebrazioni di un evento tanto importante come il bicentenario della fondazione, ma dà anche certezza organizzativa e finanziaria per programmare tutte le attività del teatro».

D'Alfonso ha anche rimarcato che al giacimento culturale di Chieti, il Mibact - grazie al lavoro portato avanti in sede di Conferenza delle Regioni e di Conferenza Stato-Regioni - proprio nelle scorse settimane, ha assegnato un milione e mezzo di euro per il recupero e la valorizzazione del Teatro delle Terme e dei Tempietti Romani dell'antica Teate romana. Per quanto riguarda, invece, i lavori su via Piaggio - che saranno portati avanti dall'Arap, l'agenzia regionale per le attività produttive - il presidente ha sottolineato come la richiesta di intervento della Regione sia stata sollecitata non solo dalle aziende che operano nell'area, ma anche da tanti cittadini e rappresentanti della società civile.

«Un'arteria - ha commentato - che da troppi anni versava in condizioni non dignitose, creando gravi disagi alle imprese della zona, molte delle quali rappresentano le più importanti realtà produttive della regione, operanti a livello internazionale. Una situazione che si è trascinata a causa delle difficoltà operative del vecchio Consorzio industriale, che oggi finalmente vede una soluzione».



IL BICENTENARIO DEL MARRUCINO

E ieri mattina, presso il foyer storico del Teatro Marrucino, il sindaco e il comitato nominato per festeggiare il bicentenario, hanno fatto il punto sul cartellone degli eventi celebrativi che avranno inizio già a partire dalle prossime settimane e vedranno il loro apice lungo tutto il 2018.

Nel corso della riunione, il Sindaco, rimarcando l’importanza dell’evento per l’intero Abruzzo, ha reso partecipi i componenti della richiesta di contributo economico e patrocinio avanzata al Ministro per i Beni e le Attività Culturali, Dario Franceschini, annunciando il contributo da parte del Ministero.

Quanto ai necessari interventi di manutenzione (ristrutturazione della facciata e degli infissi nonché il restauro delle poltrone di platea) il sindaco ha evidenziato che tale aspetto potrà essere garantito grazie alla collaborazione con i privati i quali potranno contare sugli sgravi fiscali dell’Art Bonus, provvedimento che prevede un credito di imposta pari al 65% dell’importo donato a chi effettua erogazioni liberali a sostegno del patrimonio culturale pubblico italiano.

 

Nel ricco calendario di appuntamenti costituito da importanti opere liriche, una qualificata stagione di prosa e teatro ragazzi, momenti dedicati alla riflessione con seminari, convegni e conferenze su temi specifici, nonché una mostra sulla storia del teatro, spiccano:

“La Cenerentola” di Rossini con la regia di Michele Mirabella, opera con la quale fu inaugurato il Teatro il 14 gennaio 1818; la “Boheme” di Puccini in collaborazione con l’Opera Festival di Macerata per la regia di Leo Muscato; “Giove a Pompei” di Umberto Giordano.

Una grande sorpresa potrà essere riservata, in estate, dall’allestimento della “Turandot” di Puccini in collaborazione con il Puccini Opera Festival nel suggestivo scenario dell’anfiteatro romano della Civitella.

In cartellone, inoltre, star e compagini orchestrali internazionali della musica: dal violinista Uto Ughi che si esibirà con l’orchestra da camera di Santa Cecilia, al celebre direttore d’orchestra Antonio Pappano e la grande Orchestra del Lussemburgo.

 

Per il cartellone della prosa, in occasione del bicentenario andranno in scena otto spettacoli più le rispettive repliche.