IL TUBO

Gasdotto Snam: «manifesta volontà politica di non affrontare il problema»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

93

Nuova Pescara, il momento della verità: ultima fase approda in Consiglio regionale

Consiglio regionale Abruzzo


SULMONA. Nell’ultima seduta del Consiglio Regionale c’era anche una risoluzione relativa al percorso del gasdotto ed alla centrale di compressione Snam sui Comuni dei Crateri Sismici del Centro Italia e di tutta l’area sismica (zone 1 e 2) dell’Appennino Centrale, a firma del consigliere Pietrucci.

La seduta è terminata alle 21,00 con il rinvio al prossimo Consiglio dei molti punti in scaletta, tra cui le risoluzioni.


«Ancora una volta», sostengono i comitati dei cittadini, «considerato che già nella seduta del Consiglio Regionale dell’11 agosto scorso la risoluzione era stata presentata e non discussa per l’approvazione, la questione Snam slitta con una manifesta volontà politica di non riprendere il discorso su questa importante vertenza. La sensazione di abbandono e disinteresse è emersa anche durante l’interpellanza del consigliere Bracco sull’incendio del Morrone: tanta distrazione e poco ascolto, come sottolineato dallo stesso consigliere».


La problematica del gasdotto e della centrale di compressione, invece, -sempre secondo i comitati- andrebbe affrontata come prioritaria, soprattutto dopo gli eventi sismici dell’agosto 2016 e di gennaio 2017 che ne hanno drammaticamente sottolineato, semmai ce ne fosse ancora bisogno, «l’assoluta incompatibilità dell’opera per l’elevata sismicità dei territori coinvolti, l’estrema pericolosità per la salute e l’incolumità pubblica e quanto sia dannosa per l’ambiente e l’ecosistema dell’Appennino Centrale».

Il terremoto dello scorso anno ha modificato la geografia di quelle aree evidenziando, anche ai non esperti, che «nessun tubo avrebbe potuto resistere a tale sconvolgimento».

La contrarietà all’opera è stata espressa dalla volontà unanime del Consiglio Regionale nelle precedenti cinque risoluzioni e nelle D.G.R. con le quali la Regione Abruzzo ha negato l’intesa con lo Stato.

I Comitati, soprattutto dopo il sisma del 2016/2017, hanno più volte sollecitato il Sindaco del Comune di Sulmona, l’Assessore alle Aree Interne Gerosolimo e il Presidente D’Alfonso del necessario coinvolgimento dei Presidenti delle Regioni interessate al passaggio dell’infrastruttura (Lazio, Abruzzo, Marche ed Umbria) di cui fanno parte i Comuni inseriti nei Crateri Sismici affinchè, «con forza, chiedano al Presidente del Consiglio dei Ministri di abbandonare definitivamente l’idea di realizzare quest’opera. Anche se parzialmente costruita e in esercizio (tratti Massafra-Biccari e Biccari-Campochiaro), deve essere ormai ragionevolmente pacifico per tutti , Governo e Snam, che tale progetto è concluso qui».