RECUPERI

La nuova legge abruzzese, garage e magazzini ora diventano abitabili

Di Matteo: «nuove opportunità per chi deve realizzare case per i propri figli»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

8588

La nuova legge abruzzese, garage e magazzini ora diventano abitabili

ABRUZZO. Approvato oggi dal Consiglio regionale il progetto di Legge (numero 396/2017) sul contenimento dell’uso del suolo attraverso il recupero dei vani accessori e locali del patrimonio edilizio esistente , proposto dall’assessore regionale all’Urbanistica Donato Di Matteo.

Il documento che ha trovato il consenso di quasi tutte le forze politiche, tranne del Movimento 5 Stelle, «darà una svolta all’urbanistica regionale», permettendo il cambio d’uso abitativo ai locali oggi destinati a ripostigli, dispense o alle superfici accessorie. L’assessore Di Matteo da un anno, insieme alla sua struttura, ha lavorato alla stesura della legge, alla quale nella fase finale hanno partecipato anche i consiglieri regionali Lorenzo Sospiri e Alberto Balducci. Nei prossimi giorni il documento verrà illustrato a tutti gli interessati.

«Sono molto soddisfatto dell’approvazione della legge – spiega l’assessore regionale Di Matteo -, un documento importantissimo per il recupero delle superfici non residenziali che darà la possibilità alle famiglie di adeguare la propria abitazione, trasformando locali accessori in residenziali. Inoltre sarà un vantaggio per le amministrazioni comunali e per i privati cittadini che potranno utilizzare tali spazi abitativi senza timore di incorrere in sanzioni per aver trasformato superfici in maniera abusiva. I proventi dati dai recuperi abitativi verrano destinati ad opere di urbanizzazione dei comuni che hanno difficoltà ad avere al proprio interno spazi verdi, parcheggi e servizi per la collettività. La riforma aprirà in materia di urbanistica una importante opportunità per il nostro territorio e sarà determinante per il recupero del suolo in un momento di difficoltà delle famiglie. Con l’approvazione di oggi in Consiglio regionale – conclude Di Matteo - andiamo infine in una direzione che favorisce nuove opportunità di abitazione per chi deve realizzare dimore per i propri figli impedendo nuove edificabilità».

Soddisfatto anche il centrodestra: «da oggi è possibile recuperare delle superfici accessorie come garage, ripostigli o magazzini ai fini residenziali e commerciali», commentano da Forza Italia Mauro Febbo e Lorenzo Sospiri. «È previsto un beneficio fino ad un massimo di 70 metri quadrati per le unità abitative. Inoltre i proventi serviranno per finanziare le opere di urbanizzazione dei Comuni come strade, parcheggi, viabilità e verde pubblico. Finalmente approviamo una Legge che abbiamo voluto fortemente insieme alla proposta avanzata dalla stessa legge poiché con questo provvedimento è possibile, tra l'altro, recuperare nei centri storici delle comunità montane spazi da adibire ad attività commerciali e turistiche nei centri storici, salvaguardando il patrimonio esistente». Infatti l'altezza interna dei vani e locali destinati alla permanenza delle persone non può essere inferiore a metri 2,40 dove oggetto di recupero è misurata da pavimento a soffitto senza tenere conto dell'intradosso di travi e sporgenze similari.

«Pertanto - concludono Febbo e Sospiri - siamo soddisfatti di aver contribuito alla stesura finale di una Legge regionale che aiuti gli abruzzesi a recuperare, investire, migliorare e semplificare il proprio patrimonio immobiliare».


MISURE PER LA PINETA DANNUNZIANA

Un emendamento del consigliere regionale Balducci promuove, invece, la continuità ecologica e funzionale della Riserva Naturale Pineta Dannunziana, al fine di garantire la conservazione e lo sviluppo delle specie naturali presenti nel sito.


«Tra le modifiche da me proposte vi è la possibilità di realizzare il potenziamento della viabilità ciclabile e pedonale anche attraverso la trasformazione di tratti esistenti e in aggiunta attraverso l’utilizzo del trasporto pubblico ecologico. Sono soddisfatto di queste misure – conclude Balducci - in quanto coniugano il tema della cura dell’ambiente con uno sviluppo sostenibile, regolato, in favore dei cittadini pescaresi».