POLITICA

Teramo. Polemiche sul nuovo incarico dell’assessore Lucantoni

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

258

Teramo. Polemiche sul nuovo incarico dell’assessore Lucantoni

TERAMO. Assessore e assunzione nel comune come responsabile dell’area finanziaria.

Capita

L’Assessore al Comune di Teramo, Francesca Lucantoni, con delega alla cultura è stata la centro delle polemiche lo scorso capodanno per il flop degli eventi e costato la cifra di 38.408 euro alla collettività.

Ora ricoprirà al Comune di Nereto il ruolo di Responsabile dell’area finanziaria.

«La cosa assurda», dice Fabio Berardini (M5s),   «è che il Comune di Nereto aveva già una Responsabile (Antonietta Crisucci) ma la stessa è stata inspiegabilmente inviata al Comune di Roseto attraverso l’istituto del comando. È necessario sottolineare che l’istituto del comando permette di inviare un proprio dipendente presso un’altra amministrazione ma non consente di eludere la legge procedendo ad una nomina in sostituzione del dipendente mancante. Su questo punto ci riserviamo di informare la Corte dei Conti per verificare la legittimità della nomina».

Il Sindaco di Nereto, nonostante la sua Giunta, sia stata completamente estromessa dai criteri di scelta del nuovo responsabile finanziario, ha dichiarato che la nomina della Lucantoni è stata effettuata a partire da una vecchia graduatoria del 2010 del Comune di Bellante.

«Tuttavia non vi è alcuna ragionevole motivazione del perché sia stata presa in considerazione una graduatoria così vecchia proprio del Comune di Bellante.

Sarà stato fatto per fare il favore a qualcuno?», continua Berardini, «comunque stiano le cose vi è una certezza incontestabile. Il Comune di Teramo può fare a meno di un Assessore che ha fatto solo danni. Ci auguriamo che la Dottoressa Lucantoni rassegni al più presto le sue dimissioni per godersi il proprio stipendio presso il Comune di Nereto. Noi abbiamo pagato anche troppo».