IN COMUNE

Roseto, Comune rinuncia all’acquisto dell’Arena 4 Palme

Pavone: «scelta incomprensibile»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

91

comune di roseto

Comune di Roseto




ROSETO. Nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale la maggioranza monocolore Pd che governa Roseto degli Abruzzi ha bocciato una proposta di mozione presentata dai capigruppo Enio Pavone di “Avanti X Roseto”, Alessandro Recchiuti di “Futuro In” e Nicola Di Marco di “Liberalsocialisti-Insieme per Roseto”

Con il documento si chiedeva all’amministrazione di reinserire nel Piano Triennale delle Opere Pubbliche due project financing. Il primo è quello inerente la riqualificazione urbana del centro città e dell’acquisto, messa a norma e cessione definitiva dell’Arena 4 Palme al Comune di Roseto degli Abruzzi assieme l’area di risulta della stazione ferroviaria oggi adibita a parcheggio, con l’ultimazione del lungomare centrale, la sistemazione della pineta centrale, di via Marina e di via Marco Aurelio tramite l’attivazione di nuovi parcheggi a pagamento per un investimento di circa 4,1 milioni di euro. Il secondo project financing riguarda invece l’implementazione della manutenzione del territorio e la riqualificazione degli impianti termici, degli impianti di pubblica illuminazione e di quelli semaforici, oltre all’ammodernamento degli impianti elettrici interni di proprietà comunale, con il posizionamento di diverse telecamere per il controllo del territorio grazie anche ad un sistema complesso di tele gestione e alla sistemazione di un impianto di raffreddamento presso il Palazzetto dello Sport per un investimento di circa 6,4 milioni di euro.


«Bocciando la mozione l’Amministrazione Di Girolamo non solo rinuncia, di fatto, all’acquisto dell’Arena 4 Palme e dell’area di risulta nei pressi della stazione ferroviaria», hanno contestato Pavone e gli altri, «ma ha deciso anche di non volersi impegnare a non attuare mai in futuro trasformazioni urbanistiche ed edilizie o cambi di destinazione d’uso dell’area in cui insiste lo storico impianto rosetano che oggi è classificata verde pubblico».
«E’ veramente incredibile come, in un momento in cui le amministrazioni locali ed i comuni in particolare non hanno la possibilità di operare investimenti sul territorio con mezzi propri o con il ricorso a mutui e prestiti, questa Amministrazione guidata dal Sindaco Sabatino Di Girolamo stia rinunciando a 10,5 milioni di euro di investimenti privati che potrebbero cambiare, in meglio, il volto della nostra Città», continuano i capigruppo Enio Pavone e Nicola Di Marco.
«Questo poi è ancora più assurdo se si tiene conto che, solo qualche mese fa, proprio il Pd rosetano chiedeva, con una risoluzione in Consiglio Comunale, all’allora sindaco Pavone di impegnarsi affinché il Comune rispondesse al bando delle Ferrovie dello Stato per l’acquisto dell’Arena 4 Palme. Poi, quando l’allora Amministrazione Pavone ha trovato le risorse per acquistare lo storico impianto e l’area vicina, proprio il Pd, ora al comando della Città, ha deciso di bloccare questa operazione» proseguono i due capigruppo.

«Vogliamo quindi sapere con quali mezzi finanziari il primo cittadino Sabatino Di Girolamo intende acquisire l’Arena 4 Palme e l’area di risulta nei pressi della stazione ferroviaria. Non vorremmo infatti che, la rinuncia a questi due importanti project financing, porti qualche privato interessato ad acquistare l’Arena 4 Palme, privando così la nostra Città di un luogo simbolo della storia e dell’immagine sportiva rosetana».
«Con questa scelta l’amministrazione monocolore Pd del sindaco Di Girolamo si sta assumendo una responsabilità storica che potrebbe avere ripercussioni assai negative per Roseto degli Abruzzi ed i suoi cittadini» conclude l’ex sindaco Enio Pavone.