LE POLEMICHE

Nuovo villaggio turistico a Vasto, «conflitto di interessi per il sindaco Menna»

La denuncia del senatore M5s Castaldi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

452

Nuovo villaggio turistico a Vasto, «conflitto di interessi per il sindaco Menna»

Franccesco Menna



VASTO. Scoppia la polemica e piovono accuse di «palese conflitto di interessi» sul nuovo villaggio turistico a Vasto, o meglio la riqualificazione di una struttura turistico ricettiva già esistente con la realizzazione di nuovi bungalow e piazzole per campeggio.

Il progetto della società Tiemme srl sorgerà su un terreno di sua proprietà in località San Nicola.

Sarà necessaria la verifica di assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica e tra i tecnici incaricati di redigere il rapporto preliminare c’è anche l’architetto Rita De Sanctis, già progettista del piano di lottizzazione.

Al senatore vastese del Movimento 5 Stelle, Gianluca Castaldi, non è sfuggita la parentela tra l’architetto e il primo cittadino: ovvero mamme e figlio.

«Ora cominciamo a capire perché il sindaco “bravo ragazzo” Francesco Menna si tiene ben stretta la delega all’Urbanistica», attacca Castaldi. «Il piano attuativo ha ballato per due anni e mezzo tar uffici e conferenze e permessi. E poi qualcuno ci dovrà spiegare anche quali accordi sono intervenuti tra impresa ed il Comune sulle limitazioni delle norme tecniche di attuazione e su come sono state considerate. Magari la stessa mamma del sindaco. Ora si dirà che il sindaco non c’era: certo, come la Boschi quando si discuteva di Banca Etruria».

Castaldi sostiene che il primo cittadino fosse presente quando si è adottato il progetto di lottizzazione del comparto CO24 del Prg - via San Sisto delle ditte Naglieri Michelino e di Viesti Rossana. Ed e’ presente dopo. Dobbiamo credere che sia realmente uscito? Ha scritto nel suo programma che “la legalità costituisce un imperativo morale ancor più in questo contesto storico in cui si denuncia un’elevata percezione di corruzione e illegalità”».
Il M5S percepisce una elevata situazione di conflitto di interesse, «che sembra essere una ragione forte per mantenere, da parte del sindaco, la delega all’Urbanistica. Se questi piani sono il prototipo delle idee di riuso del patrimonio edilizio esistente, caro sindaco Menna sei fuori strada! Hai scritto che non vuoi “solo affastellamenti di opere di urbanizzazione ma azioni strategiche utili a migliorare la vita dei cittadini”.. E questi piani a chi sarebbero utili? Sicuramente anche agli architetti in casa che li progettano».
Il Movimento 5 Stelle chiede di fermare l’approvazione di piani attuativi o di progetti di lottizzazione per andare verso nuove politiche di gestione del territorio di lungo respiro.
Così come chiede di lasciare la delega all’Urbanistica e «soprattutto evita di far finta di andare e venire dopo avere influenzato gli assessori nella sedute di Giunta. Non ti crediamo».

Domani mattina è in programma una conferenza stampa durante la quale il primo cittadino chiarirà la vicenda.