IN COMUNE

Vasto, 5 Stelle contro il «super staff» del sindaco Menna: «come il presidente della Repubblica»

Quattro persone assunte a tempo pieno

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

351

Comune di Vasto

Comune di Vasto



VASTO. Il Movimento 5 Stelle si scaglia contro le nomine nel nuovo ufficio staff del sindaco Francesco Menna.

Così come stabilito dalla deliberazione di Giunta numero 237 del 6 luglio scorso il nuovo staff si compone di ben 4 elementi (uno dei quali con funzione di coordinatore dell’Ufficio) «neanche si trattasse dello Staff
del presidente della Repubblica», contestano Ludovica Cieri e Dina Carinci.
Il sindaco Menna, difatti, ha manifestato esigenze in tal senso: “in ordine alle necessità di disporre di personale di fiducia, al fine di far fronte tempestivamente ed in modo ottimale alle molteplici esigenze
istituzionali in vista del conseguimento degli obiettivi politico-programmatici”.
Ed ecco come si costituisce il nuovissimo staff: 3 dipendenti categoria C1, a tempo pieno e 1 dipendente categoria B3, sempre a tempo pieno.
Quattro figure ritenute idonee “intuitu personae”.
Ma ai 5 Stelle queste nuove (e primissime) scelte non piacciono: «in tempi di spending review, quando gli impegni di spesa su situazioni urgenti per la cittadinanza vengono congelati, probabilmente una siffatta previsione di spesa andrebbe effettuata in senso riduttivo sia in senso numerico che economico. C’è solo da sperare, a questo punto, che per il futuro il monte degli emolumenti previsti, non lieviti ulteriormente con eventuali bonus e premi “ad personam”, e che i soggetti in questione non trovino la facile, solita “Stabilizzazione” come successo nel recente passato».

Ma i grillini si chiedono anche come sia possibile, in piena fase di analisi – da parte dei Revisori dei Conti – del
Bilancio di previsione per l’anno 2016, Bilancio che deve ancora essere ratificato in sede di Consiglio Comunale, che il sindaco e la sua giunta «abbiano già impegnato denaro pubblico senza, peraltro, nemmeno degnarsi di indicare (come si evince dai quattro decreti sindacali di nomina dello staff) i capitoli di spesa dove questa va a gravare? Un modus operandi caro alla Giunta Menna, utilizzato con nonchalance
anche in occasione del finanziamento del cartellone della stagione estiva per il quale attendiamo, come anticipato, la conferenza stampa nella quale oltre la presentazione degli eventi ci dica anche con che
soldi intende finanziarli. Purtroppo, oltre a vecchi componenti dello staff, continuano a permanere, nel modus operandi del nuovo Sindaco, certe vecchie, stantìe e detestabili pratiche, che non depongono, neanche queste, nel senso del tanto decantato rinnovamento».