I DATI

Comunali 2016. Francavilla, Luciani riconfermato al primo turno con il 65,7%

I 5 Stelle non entrano in Consiglio

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

499

Comunali 2016. Francavilla, Luciani riconfermato al primo turno con il 65,7%

Antonio Luciani

FRANCAVILLA AL MARE. Tra i 5 Comuni abruzzesi con piu' di 15 mila abitanti, tra i 72 complessivi chiamati al rinnovo di sindaci e Consigli comunali, l’ha spuntata al primo turno solo il primo cittadino uscente di Francavilla al Mare (Chieti) Antonio Luciani.

Con lo spoglio ancora in corso Luciani, espressione del centrosinistra, alle 2 di notte ha gia' potuto festeggiare quando ha raggiunto quasi il 66,4% delle preferenze lasciandosi notevolmente dietro gli altri tre aspiranti primi cittadini, Alessandro Mantini per il centrodestra che non è andato oltre il 15,18% e il grillino Livio Sarchese che ha ottenuto il 13,26% dei consensi.

Abruzzo Civico, con altre due liste collegate, si deve accontentare del 5,84% dei voti conseguiti da Stefano Di Renzo.

Soddisfatto, in fin dei conti, il pentastellato Sarchese che via Facebook ha fatto gli auguri ad Antonio Luciani.

«Mi sento di potere dire, senza timore di smentita», dice Sarchese, «che il Movimento ha ottenuto un risultato lusinghiero per una forza politica che si presenta da sola nelle competizioni elettorali, rifuggendo alleanze insane, con candidati nuovi e preparati».

«Francavilla è cambiata davvero», ha commentato questa notte Luciani.

«Siamo stati una squadra stupenda in questi 5 anni». Il primo cittadino ha ringraziato quanti hanno lavorato al suo fianco non chiedendo deleghe o ruoli apicali. «Non faremo l’ errore degli altri», ha assicurato, «che hanno continuato a sbeffeggiare ed offendere. Mi sono beccato di tutto in silenzio, la città ha risposto così (con il voto, ndr) ed è la cosa più bella che potesse accadere. Accoglieremo a braccia aperte tutti quelli che vorranno suggerire qualcosa per la città». Tra i primi punti del nuovo corso, ha annunciato Luciani, c’è il nodo di palazzo Sirena: «non serve il referendum, la città ha già votato con il risultato di questa sera».