POLITICA

Vasto, che fine fanno le olive sui terreni comunali?

Le domande di Nicola Del Prete senza risposta

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

58

Luciano Lapenna

Luciano Lapenna

VASTO. Che fine fanno le olive sui terreni comunali?

A questa semplice e diretta domanda e ad altre avanzate dal Consigliere comunale di Vastoduemilasedici Nicola Del Prete, l’amministrazione comunale non ha dato risposta, o meglio: la risposta dell’assessore al patrimonio Nicola Tiberio si è limitata a sostenere che sono pervenute 3 domande, in ottobre, da parte di privati o cittadini che hanno fatto richiesta di poter procedere alla raccolta di olive sui terreni di proprietà comunale ed esse sono state tutte evase.

Nessun riferimento a quanti fossero i terreni di proprietà pubblica dove insistono piante di ulivo, né che fine abbiano fatto le olive raccolte, né quante piante siano state interessate dalla proposta dei tre privati, con quali criteri sia stata gestita l’operazione, quale fosse il vantaggio da parte del pubblico, ovvero del Comune, quale sia stato il ricavato della raccolta.

«L’assessore non ha risposto ad alcuna di queste domande – ha sottolineato Nicola Del Prete durante il suo intervento in Consiglio comunale – evidentemente il Comune non conosce o fa finta di non conoscere neppure il suo patrimonio e non sa che fine fanno le olive. Eppure basterebbe poco per rendere produttivi gli appezzamenti di terreno pubblici dove insistono piante di ulivo, l’olio potrebbe essere regalato alle mense dei poveri. Ecco, questo sarà uno degli impegni che di cui dovrà farsi carico la prossima amministrazione comunale. Per il momento, mi limito a dire che non è pensabile che l’amministrazione comunale faccia finta di nulla al cospetto dello sfruttamento del proprio patrimonio pubblico. E poi, a beneficio di chi? So bene che l’argomento non desta l’interesse della magistratura, ma spero desti l’interesse di tutta la cittadinanza vastese che deve sapere come questa amministrazione gestisce il patrimonio di tutti».