SANITA'

Sindaco Di Primio:«va bene Maltauro ma si garantiscano i posti letto di chirurgia»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

126

Sindaco Di Primio:«va bene Maltauro ma si garantiscano i posti letto di chirurgia»

 

 

 

 

 

CHIETI. «Sono assolutamente favorevole che si dia seguito al project financing riguardante la nuova ristrutturazione dell'ospedale di Chieti, un investimento importante che deve ricadere sulla mia città e non certo, come annunciato sette/otto mesi fa dalla Giunta regionale, in un luogo diverso da Chieti ma ancora oggi vi è una fitta nebbia sul progetto sponsorizzato dalla Regione. D’altronde, nessun organismo o rappresentante politico regionale ha pensato di informarci ufficialmente sul contenuto di tale delibera, pur se, ad onor del vero, solo informalmente il presidente d’Alfonso me ne parlò a margine di una riunione in Regione all’inizio di gennaio».

Lo ha detto il sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, nel corso del suo intervento nel Consiglio Comunale che ha visto all’odg la trattazione del punto “La Sanità a Chieti presente e futuro”.  

Di Primio si è detto favorevole al maxi ospedale di Maltauro precisando di non schierarsi né dalla parte della sanità pubblica né di quella privata ma solo di quella che funziona.

«Di come sia strutturato il progetto non sappiamo nulla. La ristrutturazione», ha aggiunto Di Primio, «riguarderà la sola struttura, i posti letti, i servizi, andrà ad inficiare l’assistenza dei pazienti? È proprio di questo che bisogna parlare e capire. Se sarà garantito il livello assistenziale, se saranno garantiti i posti letto, se miglioreranno i luoghi di lavoro per gli operatori sanitari e i pazienti non rinunciò all'investimento sulla città – ha proseguito il Sindaco -. La cosa che mi interessa più di tutto, infatti, è che vi sia una sanità di qualità vicina ai pazienti e che non mortifichi il lavoro dei tanti operatori medici che lavorano nel nosocomio teatino. Quanto alle ultime iniziative che hanno vista coinvolta la Regione e alcune cliniche private, ritengo assolutamente legittimo che gli imprenditori della sanità privata facciano tutto quanto è nelle loro possibilità per migliorare le proprie aziende, allo stesso tempo – ha evidenziato il Sindaco - pretendo che in ragione delle modifiche che sono avvenute venga garantito il numero di posti letto di chirurgia già esistente. In altre parole, se Chieti ha perso 41 posti letto di chirurgia a causa del trasferimento degli stessi da una clinica di Chieti ad una di Pescara è necessario che la Regione, per garantire i livelli di assistenza della nostra città e della nostra Asl, assegni all’ospedale di Cheti ulteriori 41 posti letto di chirurgia e organizzi i servizi conseguentemente». 

«Per questo – ha concluso il Sindaco - in ossequio al dettame dell’ordine del giorno, chiederò alla Regione Abruzzo di istituire un tavolo tecnico nel quale riflettere sulle strategie per la sanità teatina da riportare poi nel piano di riordino regionale».