IN CONSIGLIO

Caso Tercas, «Brucchi senza maggioranza»

M5S: «chi lo terrà a galla?»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

120

Caso Tercas, «Brucchi senza maggioranza»

TERAMO. La Banca Tercas – Popolare di Bari ha intenzione di aumentare il costo degli interessi per l’anticipazione di cassa al Comune di Teramo per circa 300.000 euro.

In un’intervista rilasciata qualche giorno fa, l’ex assessore al Bilancio Dodo Di Sabatino  ha duramente criticato questa volontà dell’Amministrazione di sottrarre altri 300.000 euro ai cittadini teramani e regalarli alla Banca Tercas.

In tale contesto, cosa succederà al momento del voto in Consiglio comunale?

«In consiglieri di opposizione sono 12, e ci auguriamo che tutti votino contro una simile proposta assurda da parte dell’amministrazione comunale», sottolinea Fabio Berardini del Movimento 5 Stelle Teramo, «a questi vanno aggiunti i 3 consiglieri di “Teramo Soprattutto” ed a questo punto anche i 2 consiglieri di Fratelli D’Italia che sono dichiaratamente fuori dalla maggioranza».

Facendo un rapido calcolo, i consiglieri contrari sarebbero 17, ossia la maggioranza assoluta del Consiglio comunale. «A questo punto, ad un sindaco di fatto senza maggioranza non resterebbe che dimettersi», insiste Berardini. «Chi si prenderà la responsabilità di mantenere a galla il Sindaco Brucchi? Chi farà l’ennesima figura da ciarlatano e da buffone? Chi è che sarà volutamente assente quel giorno in Consiglio comunale? Per dare risposta a tali interrogativi si dovrà attendere la Commissione di lunedì prossimo ed il futuro Consiglio comunale».

Intanto lunedì il provvedimento andra’ in commissione consiliare insieme al documento unico di programmazione. Secondo le nuove condizioni di Banca Tercas si è passati con l’anticipo di tesoreria dallo 0,19%  di tasso sul passivo al 2%.