IN COMUNE

Consiglio L’Aquila. All’Ama 2,2 mln di euro e nuovi biglietti per gli studenti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

43

Consiglio L’Aquila. All’Ama 2,2 mln di euro e nuovi biglietti per gli studenti



L’AQUILA. Il Consiglio comunale di ieri, in apertura dei lavori, ha discusso tre interrogazioni, a firma, rispettivamente, dei consiglieri Ettore Di Cesare (Appello per L’Aquila che vogliamo), su “Sottoservizi in zona Gignano”, Roberto Tinari (Forza Italia) su “Fitti passivi del Comune dell’Aquila, ed Emanuele Imprudente, Luigi D’Eramo e Daniele Ferella (Noi con Salvini – L’Aquila) su “Stato di recupero degli edifici danneggiati dal sisma”.
È stato quindi approvato un ordine del giorno, a firma dei consiglieri Giuliano Di Nicola e Adriano Durante (Idv), con il quale si impegnano il sindaco e la giunta comunale a «mettere in atto qualsiasi provvedimento o iniziativa necessaria a determinare la città dell’Aquila quale sede della Soprintendenza archeologica, Belle arti e paesaggio».
I lavori sono proseguiti con l’approvazione della proposta deliberativa, a firma del sindaco dell'Aquila Massimo Cialente, contenente il programma di esercizio e il contratto di servizio con l’Azienda per la mobilità aquilana (Ama), riferito all’annualità 2016, per il trasporto pubblico locale.

Viene riconosciuto, come contributo di esercizio, uno stanziamento pari a 2 milioni 272mila 410 euro e vengono introdotti nuovi titolo di viaggio in favore della popolazione studentesca. Si tratta, in particolare, di un abbonamento scolastico annuale per studenti, nominativo, del costo di 202 euro, e di un abbonamento annuale per studenti universitari, anch’esso nominativo, del costo di 220 euro, entrambi per il periodo 1 settembre – 30 giugno, oppure 1 ottobre – 31 luglio, validi per tutte le linee e senza limitazioni nel numero di corse, tutti i giorni, inclusi i festivi. Inoltre il titolo di viaggio di corsa semplice, del costo di 1 euro e 10 centesimi, viene sostituito dal biglietto orario, valevole 120 minuti, del costo di 1 euro e 20 centesimi.
Approvato anche il contratto di servizio con il Centro turistico del Gran Sasso, sempre riferito all’annualità 2016, per il trasporto pubblico locale mediante l’utilizzo della funivia di Fonte Cerreto. Quale contributo di esercizio viene riconosciuta la somma di 520mila euro. Per le corse notturne, le maggiori percorrenze dovranno essere autorizzate dall’Amministrazione comunale. Anche questa proposta deliberativa è stata presentata dal sindaco Cialente, quale titolare della delega alle Società partecipate.
Via libera del Consiglio all’accettazione di una donazione, della somma di 414mila euro, da parte della Direzione regionale Inps, per la realizzazione, nell’area di piazza d’Armi, di una struttura polifunzionale, destinata ad attività sociali, ricreative e culturali, da intitolare alla dipendente Giuliana Turco, scomparsa la notte del sisma.
Il Consiglio ha quindi approvato alcune modifiche e integrazioni al Regolamento sugli Istituti di partecipazione.  In particolare, in riferimento all'istituto referendario, viene stabilito che l'Amministrazione comunale è tenuta a indire il Referendum consultivo sugli atti del Comune quando ne facciano richiesta i due terzi dei componenti del Consiglio comunale, un quarto dei Consigli territoriali di partecipazione, che rappresentino almeno ventimila residenti, e sottoscrittori in numero di cinquemila. Il sindaco ne fissa la data e le sedi di seggio. Sull'ammissibilità della proposta referendaria decide il Comitato dei Garanti che, entro 10 giorni dal deposito delle firme, svolge le funzioni di computo e controllo. Le modifiche contenute nell'atto deliberativo, che reca la firma dell'assessore alla Partecipazione Fabio Pelini, permettono di riallineare le disposizioni sul Referendum allo Statuto comunale.
Via libera anche ad una proposta di mutamento di destinazione d’uso di alcuni terreni, da destinarsi ad attività estrattiva, appartenenti al demanio di Tempera e Paganica, presentata dalla ditta Cava Inerti (la delibera è a firma dell'assessore all'Ambiente Maurizio Capri), e un’ulteriore proposta di mutamento di destinazione d’uso e alienazione, riferita a terreni appartenenti al demanio di Roio. Quest'ultima proposta deliberativa è stata presentata dall'assessore Giovanni Cocciante, titolare della delega ai Beni di uso civico.