IL PROGETTO

Montesilvano, accelerata della giunta su nuova Fontana

Il progetto è stato rispolverato

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

170

Montesilvano, consiglieri con coscienze alterne e la maggioranza di Maragno non c’è più

Francesco Maragno

MONTESILVANO. La Giunta Maragno ha dato il via libera alle opere di urbanizzazione dell'area del PP1 rispolverando un vecchio protocollo d'intesa con la ditta D’Andrea&D’Andrea sottoscritto dall'ex sindaco Di Mattia ma mai decollato dopo la rinuncia dello stesso privato, in seguito all'innalzamento della cifra dell'intervento da 530 mila a 770 mila euro individuata dall'amministrazione comunale.

Nel 2013 il progetto prevedeva la realizzazione del teatro del mare, oltre ad altre opere ma fu bocciato dall'attuale maggioranza di centrodestra, allora minoranza, e da componenti dell'allora maggioranza di centrosinistra che oggi ritroviamo sempre in maggioranza ma sul fronte opposto. Al coro dei no si aggiunsero anche il Movimento 5 Stelle e Rifondazione Comunista. Il futuro di un'area così importante e strategica della città, si diceva, deve passare attraverso un'ampia condivisione.

Adesso, invece, nel silenzio generale c’è stata un’ improvvisa accelerazione dopo il nuovo assetto della giunta e a ridosso dell'approvazione del bilancio di previsione, su un progetto al ribasso che prevede sostanzialmente la realizzazione di una fontana in una piazza con un costo di circa 530 mila euro, che il privato scomputerà dal totale degli oneri di urbanizzazione che deve al Comune.

«Faremo un accesso agli atti per avere tutta la documentazione ufficiale, dal protocollo d'intesa del 2013 e la successiva comunicazione di rinuncia del privato», contesta Sel. 

«Ci sono poi altri aspetti che ci fanno riflettere e porre domande. La delibera approvata dalla giunta non è stata votata da Maragno, Cozzi e Vaccaro, in quanto assenti. Ma come, una delibera così importante è stata discussa e approvata in giunta senza la presenza del primo cittadino, che è anche delegato all'urbanistica? Non ci risultano scadenze imminenti per l'atto, quindi il via libera alla delibera poteva essere dato alla presenza di tutti i componenti della giunta. Perchè il Sindaco Maragno non ha fatto in modo di far approvare la delibera in sua presenza?»

La delibera di giunta dovrà passare adesso al vaglio del Consiglio Comunale: Sel si domanda se ci siano i numeri per approvarla, dal momento che gli stessi componenti della maggioranza, nel recente passato, si sono espressi negativamente su un progetto più ambizioso rispetto a quello di una fontana in una piazza, che per gran parte dell'anno sarà priva di motivi per frequentarla e d'estate, nelle ore più calde, non attrattiva per residenti e turisti.