SANITA'

Tagli assistenza domiciliare Pescara, «schiaffo a 150 malati»

L’ex assessore Cerolini contesta il provvedimento del Comune

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

135

Comune di Pescara, social indignazione per il concorso “farsa”… per legge

Comune di Pescara

PESCARA.  Il coordinatore cittadino di Forza Italia, Guido Cerolini, ex assessore alle Politiche sociali del Comune di Pescara, contesta con forza la decisione dell’amministrazione Alessandrini di tagliare drasticamente  i servizi di assistenza domiciliare.

Un taglio che però non sarebbe arrivato a sorpresa. Già a settembre, infatti, Cerolini, chiese al sindaco Alessandrini di fermare la gara d’appalto per il riaffidamento del servizio per pochi mesi con cui riduceva da 90mila a 29mila le ore di assistenza, ricevendo in quei giorni la smentita dell’assessore Diodati.

«Oggi purtroppo si sono avverate le più fosche previsioni», denuncia Cerolini.

«Il sindaco Alessandrini ha privato dell’assistenza domiciliare 150 pazienti, uno schiaffo nei confronti di persone che vivono una condizione di inabilità tale da necessitare di un supporto esterno e che ora sono sole». La situazione non sarebbe solo temporanea. Cerolini infatti sostiene che non durerà solo tre mesi, come dice Diodati, perché a oggi non è stato pubblicato il nuovo bando per la copertura del servizio dal primo aprile al 31 dicembre 2017, ciò significherebbe che il taglio del servizio andrà avanti almeno sino a fine 2016.

Nella determina del 31 luglio scorso, pubblicata solo il 31 agosto, si parlava della proroga dei servizi. In sostanza, per il Comune di Pescara è scaduto, il 6 agosto 2015, il Piano Locale triennale per ‘La non Autosufficienza’, nel silenzio della Regione Abruzzo che, ancora oggi, non si è pronunciata circa i fondi destinati ai Servizi i cui fruitori sono, chiaramente, le fasce più deboli della popolazione, ovvero coloro che hanno più bisogno.

«Il sindaco Alessandrini», denuncia Cerolini, «anziché far sentire la propria voce presso la Regione Abruzzo e al Governatore D’Alfonso, pretendendo un nuovo Piano e garantendo una continuità qualitativa della strategia assistenziale messa a punto negli anni del Governo di centro-destra, ha cercato di arrangiarsi avviando una nuova gara d’appalto per la copertura del servizio sino al 31 marzo 2016, ossia pochi mesi. Peccato che sia nella proroga che nella nuova gara d’appalto fosse stato previsto il taglio drastico del servizio di assistenza domiciliare socio-assistenziale (Sad), Domiciliare integrata (Adi), per anziani e disabili, e del Trasporto disabili, che fanno parte dei Liveas, ossia dei Livelli essenziali di assistenza».

Ovvero: con l’appalto triennale 2012-2015 la giunta di centrodestra aveva previsto una spesa di 1milione 499mila 189,62 euro annuale, per la copertura di 90mila ore lavorative annuali, ossia 7.500 ore al mese di assistenza. Nella nuova gara d’appalto il monte ore lavorativo è passato a sole 4.833 ore al mese, la metà di quante ne sono state garantite sino a oggi.

«Ho denunciato – ha detto il Coordinatore Cerolini – che ciascun utente si sarebbe visto ridurre in maniera drastica le ore di assistenza, con la disperazione di tutti quegli anziani non si possono permettere l’eventuale ricorso a privati e che oggi resteranno in condizioni di abbandono. L’assessore Diodati lo scorso autunno mi ha smentito: oggi si è invece avverato ciò che era scritto nei documenti approvati dal sindaco Alessandrini».

«Tagliare l’assistenza domiciliare a 150 malati gravi significa semplicemente non saper amministrare la città né tantomeno le risorse pubbliche: come si possono spendere in appena due o tre mesi oltre 130mila euro per feste e festarelle, come il Future Fest, i concertini di Capodanno, il pontile del mare, e poi sbattere la porta in faccia a 150 cittadini non autosufficienti, che hanno bisogno di tutto, affermando di non avere soldi per coprire i servizi? Quel taglio sociale rappresenta l’ennesimo fallimento di una giunta comunale incapace», hanno commentato Lo hanno  i capigruppo di Forza Italia al Comune di Pescara Marcello Antonelli e alla Regione Abruzzo Lorenzo Sospiri.