POLITICA

Ricostruzione L’Aquila, Idv: «una commissione d’inchiesta sul cratere»

Il disegno di legge è già pronto

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

138

 Ricostruzione L’Aquila, Idv: «una commissione d’inchiesta sul cratere»

L’AQUILA. L’Italia dei Valori chiede al Parlamento l’Istituzione di una Commissione d’inchiesta
sulla ricostruzione dell’Aquila e dei Comuni del cratere.
Le risorse investite e già erogate dallo Stato, che ammontano ad oltre 4 miliardi, hanno consentito di ricostruire buona parte delle periferie e di avviare la ricostruzione dei centri storici ad opera di molte imprese capaci e serie, ma anche di altre meno serie o esperte nell’arte del subappalto.
«Il paradosso», spiega il segretario regionale Lelio De Santis, «è che a fronte di una mole gigantesca di danaro investito, si registra da tempo una grave crisi economica che si sostanzia nella mancanza di lavoro per gli addetti all’edilizia, per gli artigiani, per gli operai e nel rischio di chiusura per le piccole imprese e le ditte fornitrici locali. Evidentemente, queste risorse producono economia positiva altrove ed i vantaggi della ricostruzione finiscono in modo lecito o meno lecito nelle tasche di imprese che prescindono dal territorio».
Le procedure dell’appalto diretto hanno favorito, secondo De Santis, fin dalla fase emergenziale con la gestione della Protezione civile, «la presenza di alcuni grandi gruppi imprenditoriali che hanno anteposto gli affari all’interesse generale, prima nella costruzione del Compendio immobiliare del Progetto CASE e, poi, nella ricostruzione sicura e trasparente delle abitazioni distrutte dal sisma».
Il sindaco dell’Aquila, secondo De Santis, almeno in questa circostanza, ha ragione nel ritenere utile l’Istituzione di una Commissione d’inchiesta per far luce sulle modalità e sulle procedure di assegnazione degli appalti, e l’Italia dei Valori, almeno in questo caso, lo asseconda presentando un Disegno di legge per l’Istituzione di una Commissione bicamerale sulla ricostruzione, sulle procedure degli appalti, sull’utilizzo delle risorse, sull’ipotesi di infiltrazioni mafiose e sulle eventuali responsabilità ai diversi livelli istituzionali.
Il suddetto disegno di legge è stato formalmente già presentato al Parlamento e sarà illustrato dai senatori proponenti dell’IdV a L’Aquila la settimana prossima.
«L’intento è quello di fare finalmente chiarezza sulla realtà nebulosa della ricostruzione che muove ingenti risorse ed suscita perplessità e dubbi nella collettività abruzzese, che ha bisogno solo di avere certezze sulla trasparenza e sulla efficacia della ricostruzione», chiude De Santis.