LA POLITICA

Montesilvano. Lite in Comune: arrivano i carabinieri

Al centro dello scontro la presidenza della Commissione

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

514

comune montesilvano

 MONTESILVANO. Nuovo scontro verbale, in Comune a Montesilvano, nell'ambito della questione della presidenza della Commissione di Vigilanza. In Municipio, chiamati dagli esponenti del Movimento 5 Stelle, sono arrivati anche i Carabinieri.

«Oggi si è toccato uno dei punti più bassi di questa consiliatura», dice Paola Ballarini, capogruppo M5s, al termine della seduta della commissione, nel corso della quale si è votato in autotutela l'illegittimità della nomina della stessa Ballarini.

«Nonostante la nostra diffida scritta - dicono i grillini - il presidente del Consiglio comunale ha convocato e presieduto, senza averne titolo, la commissione di vigilanza e garanzia scavalcando e disconoscendo di fatto la mia nomina del 5 ottobre quale presidente della commissione stessa. Riteniamo che si potrebbe configurare un vero e proprio abuso di potere e comunque si denota la prepotenza con cui la maggioranza di centro-destra sta gestendo la cosa pubblica cittadina».

«Abbiamo abbandonato la commissione - aggiungono - disconoscendone la validità, ma non lasceremo che si possa fare carta straccia delle regole, la nostra è una battaglia di legalità e di principio. Non cederemo a un evidente atto intimidatorio che si pone l'obiettivo di neutralizzare l'unica vera forza di opposizione a una maggioranza in palese difficoltà, basti vedere il recente rimpasto di giunta».

 Il Gruppo consiliare del M5s annuncia che, con il supporto dei propri legali e dei parlamentari locali, incontrerà in settimana il Prefetto e fa sapere di essere già al lavoro per presentare un esposto alla Procura della Repubblica.