POLITICA

Guardiagrele, statale 81: «la gestione passi all’Anas»

La richiesta dell’ax capogruppo di maggioranza Orlando Console

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

99

Guardiagrele, statale 81: «la gestione passi all’Anas»

Orlando Console

GUARDIAGRELE. Circa un anno fa, prima del periodo invernale, Orlando Console, ex capogruppo di maggioranza Comune di Guardiagrele chiese come Amministrazione Salvi, il passaggio di competenze dalla Provincia di Chieti all’Anas nella gestione del tratto di strada EX S.S. 81 - diramazione per l’abitato di Comino (Comino-Campotrino) che insiste sul territorio del Comune di Guardiagrele. 
Questa arteria continua ad essere priva di una costante manutenzione, tanto che siepi ed arbusti spontanei hanno in molti tratti invaso la carreggiata, coprendo parzialmente i guard-rail protettivi, situazione che crea grossi pericoli per gli automobilisti che la percorrono; inoltre, in caso di neve, tutti gli alberi o i rami, posti in prossimità del tratto asfaltato, potrebbero cadere sulla strada creando grossi problemi alla circolazione.
«Questa direttrice», spiega Console, «rappresenta una naturale continuazione della S.S. 81 (che è, appunto, già sotto la gestione dell’Anas) e costituisce il punto di raccordo con la strada Comino-Guardiagrele oggetto della nostra delibera proposta in consiglio comunale con la quale se ne è richiesta la “provincializzazione”, con la “declassazione” di Via Orientale a strada comunale».
Data la problematica situazione economica e finanziaria che stanno vivendo le Province, l’obiettivo auspicabile, secondo Console, sarebbe quello di avere sotto la gestione dell’Anas tutto il tratto che collega la S.S. 81 (località Campotrino) all’abitato di Guardiagrele.
La direttrice è di fondamentale importanza a livello di circolazione dei cittadini e dei lavoratori pendolari, nonché sotto l’aspetto turistico, in quanto importante via d’accesso alla Città di Guardiagrele, alle località di Comino, Bocca di Valle e Piana delle mele, al Comune di Pennapiedimonte ed al territorio del Parco Nazionale della Majella.
«Chiediamo all’Amministrazione comunale», va avanti Console, «di verificare quanto in precedenza richiesto agli enti e di impegnarsi affinchè la questione venga presa in considerazione dalla Provincia e dall’Anas, nell’auspicio futuro che comunque le strade provinciali, data la situazione di dismissione di questi enti, possano passare tutte ad una gestione integrata, per una manutenzione costante e con una sempre crescente efficacia ed efficienza per gli utenti».