DISSESTI

Comune Penne: chiesta vendita quote Vestina Gas contro dissesto

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

71

Comune Penne: chiesta vendita quote Vestina Gas contro dissesto

PENNE. «E' necessario vendere tutte le quote del Comune di Penne detenute nella Vestina Gas Srl, pari al 57% per un valore economico stimato di oltre 7 milioni di euro, per salvare l'ente vestino dal dissesto finanziario. Non ci sono altre strade, il tempo e' scaduto. Basta operazioni perditempo che non portano da nessuna parte».

 Lo affermano in una nota Emidio Camplese e Gilberto Petrucci componenti del movimento civico "Penne Citta' Aperta" in merito alla vendita del 6% delle quote azionarie detenute dal Comune di Penne nella societa' pubblica "Vestina Gas Srl", che si occupa di commercializzare il gas.

«Esperire un'altra asta pubblica con le stesse condizioni o, addirittura, con un valore economico inferiore - osservano - sarebbe opinabile sul piano giuridico e improduttivo sul piano contabile; peraltro, e' bene ricordare che il bando di vendita non prevede la possibilita' di stabilire un ribasso d'asta ne' abbiamo un regolamento comunale che disciplina, in subordine, la cessione di quote di partecipazione nelle societa' commerciali come accade, invece, per le alienazioni di immobili. Sul piatto - spiega la nota - abbiamo disponibili 7 milioni e mezzo di euro (stima effettuata dal perito-commercialista Toni Di Nino) che aiuterebbero, almeno in questa fase, a evitare il dissesto al Comune di Penne: e' l'unica ricetta possibile. Vogliamo ricordare a sindaco e giunta - aggiungono Camplese e Petrucci - che, una eventuale cessione perfezionata al di sotto dell'importo di 705.401 euro, comporterebbe, come conseguenza immediata, uno squilibrio finanziario del bilancio 2015, con le relative applicazioni di sanzioni previste dal Testo Unico degli enti locali. Ci preme osservare che solo la vendita di tutte le quote renderebbe piu' appetibile l'offerta commerciale sul mercato. Come movimento civico 'Penne Citta' Aperta' siamo disponibili a un sereno confronto sul piano amministrativo per aiutare la maggioranza, oggi in evidente stato di insufficienza respiratoria, a tracciare - concludono Camplese e Petrucci - una strategia politica per salvare il Comune di Penne dal dissesto finanziario».