POLITICA

Montesilvano, Maragno chiama in giunta Comardi e De Vincentiis

Lasciano in tre, Brocchi, Verrigni, D’Onofrio

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

488

Montesilvano, Maragno chiama in giunta Comardi e De Vincentiis

De Vincentiis e Comardi

 

MONTESILVANO. Rimpasto di Giunta al Comune di Montesilvano: lasciano gli assessori Leo Brocchi, Caterina Verrigni e Lucia D'Onofrio ed entrano Deborah Comardi (Fi) ed Ernesto De Vincentiis (Montesilvano Protagonista), nominati dal sindaco Francesco Maragno.

I due nuovi membri dell'Esecutivo comunale verranno presentati domani, alle 10.30, nella Sala consiliare. «L'impegno in politica non è una professione - affermano Brocchi e Verrigni - Lo start-up dell'amministrazione Maragno, dopo un anno faticoso caratterizzato da un'asfissiante crisi della finanza pubblica ma dalla ferrea volontà di ripristinare la certezza delle regole uguali per tutti, può dirsi ampiamente completato. E' giunto ora il momento, senza necessità di rinfrescare la memoria su basilari principi democratici, di dare spazio a coloro che si sono candidati per concorrere all'amministrazione della cosa pubblica, diretta espressione della volontà popolare e portavoci delle relative istanze, ed è questa l'unica, concreta ragione delle nostre dimissioni».

 Motivazioni personali alla base della decisione di Lucia D'Onofrio: «Nel corso degli ultimi mesi - dice - è diventato sempre più problematico riuscire a conciliare impegni professionali e privati con un'azione amministrativa efficace e continua. Ritengo quindi corretto e doveroso restituire le deleghe affidatemi al fine di permettere a tutta l'amministrazione il buon proseguimento e l'attuazione del programma di governo condiviso dall'intera coalizione della maggioranza».

La Comardi ricoprirà le deleghe al bilancio, alle politiche giovanili, e le nuove deleghe alle politiche per la disabilità e al benessere animale; De Vincentiis invece si occuperà di verde pubblico, patrimonio e valorizzazione dei beni comunali e della nuova delega alle politiche energetiche. Restano nelle mani del sindaco i tributi, la programmazione finanziaria e l’urbanistica. La ridistribuzione delle deleghe tra gli altri componenti della Giunta verrà ufficializzata nei prossimi giorni.