CARTA STRACCIATA

Comune Pescara, guerra alle stampanti: «risparmiati 30 mila euro in 6 mesi»

Ai gruppi consiliari netbook per consultare in tempo reale gli atti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

188

COMUNE PESCARA

PESCARA. Continua il cammino del risparmio all’interno della vita amministrativa di Palazzo di Città.

La spending-review investe prima di tutto gli uffici: «abbiamo provveduto a togliere le stampanti dalla scrivania dove possibile, sostituendoli con le stampanti multifunzione di piano (fotocopiatrici, stampanti e scanner) che oltre ad essere più performanti, hanno consentito nei primi sei mesi del 2015 di dimezzare le spese rispetto allo stesso periodo del 2014», spiega l’assessore Sulpizio.

Un risparmio generato dall’eliminazione di stampanti da tavolo che richiedevano costi per manutenzioni e toner notevolmente superiori.

Infatti nel primo semestre del 2015 la spesa per i toner per stampanti è passata da 23.494,70 a 7.989,40, quella per la carta da 10.000 a 5.000, per la cancelleria da 5.861,17 a 3.246,17, i toner per fotocopiatrici e stampanti di rete si passa da 9.378,82 a 8.291, 84, infine per le manutenzioni si passa da 18.000 a 13.500 euro.

Sempre su questa linea si sta provvedendo a dotare tutti i gruppi consiliari di un net-book con connettività ad internet e rete locale, in modo di rendere ancora più trasparenti gli atti di Consiglio Comunale (emendamenti e ordini del giorno e delibere) che potranno essere visualizzati dai consiglieri in tempo reale, evitando così di ricorrere alla stampa degli stessi.

«Un’operazione di risparmio puro», chiude l’assessore, «perché senza costi per l’Ente che è già in possesso del numero di net-book necessari allo scopo, in quanto si tratta di apparecchi utilizzati per le operazioni elettorali».