LA PROPOSTA

Baratto amministrativo, M5S presenta delibera per contrastare le tasse del Pd

«Un modo efficiente ed innovativo per amministrare»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1045

Baratto amministrativo, M5S presenta delibera per contrastare le tasse del Pd

Alessandrini e Sabatini

 PESCARA. Il M5S presenta delibera e regolamento per avviare il “Baratto amministrativo” nel Comune di Pescara ovvero la possibilità per i cittadini, in condizioni di disagio, di pagare le tasse locali lavorando per il Comune.
Una possibilità già sposata dall’amministrazione comunale di Tollo da qualche settimana.
 Dopo aver ottenuto, infatti, il sì all’odg presentato in Consiglio comunale il 15 luglio, il M5S brucia i tempi tecnici e presenta sia la delibera che il regolamento comunale.
«Non c’è tempo da perdere» afferma la consigliera pentastellata Erika Alessandrini «l’amministrazione Alessandrini è lenta e poco efficiente, e finora ha dimostrato di conoscere un solo modo di risolvere i problemi: aumentare le tasse al massimo per tutti. Per questo, con il prezioso aiuto degli attivisti del Movimento 5 Stelle di Pescara,  abbiamo già definito un regolamento sul quale lavorare in commissione e rendere operativo il baratto amministrativo in tempi brevissimi».
Grazie all’iniziativa del M5S si introdurrà un regolamento comunale attraverso cui è possibile applicare la Legge dello Stato n.164 del 2014, che prevede appunto la possibilità per i Comuni di deliberare riduzioni o esenzioni di tributi a fronte di interventi per la riqualificazione del territorio, da parte di cittadini singoli o associati, quali: “la pulizia, la manutenzione, l’abbellimento di aree verdi, piazze, strade ovvero interventi di decoro urbano, di recupero e riuso, con finalità di interesse generale, di aree e beni immobili inutilizzati e in genere la valorizzazione di una limitata zona del territorio urbano o extraurbano”.

 La proposta dei pentastellati determinerà molteplici vantaggi sia per il Comune che per i cittadini.

Da una parte, infatti, il Comune potrà contare su una “nuova forza - lavoro” che ad oggi non sarebbe possibile, in altro modo, viste le assunzioni bloccate e la scarsa disponibilità di risorse economiche degli Enti locali. Il Comune otterrà una prestazione lavorativa piuttosto che dover mantenere elevati crediti inesigibili a bilancio e i cittadini in difficoltà potranno avere un aiuto in caso di impossibilità a pagare i tributi locali, diventando così una risorsa per tutta la comunità cittadina. 

 «Il sistema del baratto amministrativo è un’opportunità economica, sociale e culturale» sottolinea la capogruppo M5S Enrica Sabatini «i cittadini che vogliono pagare, ma non hanno la possibilità di farlo, non dovranno più vivere la pesante condizione che li fa sentire “evasori obbligati”, ma potranno onorare con dignità i propri doveri lavorando e regolarizzando così la propria posizione debitoria senza dover finire nell’elenco del morosi».

 Ulteriori vantaggi, secondo i pentastellati, deriveranno anche dal fatto che questa iniziativa consentirà di percepire un’Amministrazione più sensibile ed avrà anche effetti positivi nello sviluppo e  nella cura del proprio territorio.
Il baratto amministrativo è stato già presentato dal M5s in diversi Comuni in cui sono presenti consiglieri pentastellati, come Montesilvano, Chieti e Bucchianico, e nei prossimi giorni verrà proposto nelle altre realtà locali limitrofe in cui sono presenti eletti del M5S.
«Esiste un modo diverso di amministrare» concludono le consigliere pentastellate «basato su  quelle “parole guerriere” come comunità, partecipazione, solidarietà e sostenibilità”  che la vecchia politica non conosce. Vogliamo un Paese realmente diverso, vicino ai cittadini».