POLITICA

L’Aquila. Cimitero intereligioso e consulta giovanile nel consiglio comunale

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

30

L’Aquila. Cimitero intereligioso e consulta giovanile nel consiglio comunale


L’AQUILA. Il Consiglio comunale ha approvato un ordine del giorno, a firma del consigliere Gamal Bouchaib, con il quale si impegna l'amministrazione comunale a individuare un’area, nel cimitero dell’Aquila, da adibire a sepoltura per i cittadini di tutte le confessioni religiose diverse da quella cattolica.
Via libera del Consiglio (18 voti favorevoli, 3 di astensione) ad una proposta deliberativa riguardante un progetto di riqualificazione urbana, da attuarsi attraverso la sostituzione edilizia di un fabbricato sito in piazza Santa Maria Paganica, ed un secondo atto, sempre di materia urbanistica, relativo al cambio di destinazione d’uso, da “artigianato di servizio” a “residenziale”, per alcuni locali nel quartiere San Giacomo (20 si,  2 astenuti).
L’assemblea ha anche approvato, all'unanimità, l’istituzione e lo Statuto della Consulta giovanile. L’organismo si propone di favorire il raccordo tra giovani e istituzioni. Dovrà stilare un rapporto annuale sulla condizione giovanile, da illustrare al Consiglio, e raccogliere informazioni su settori quali scuola, università, sport, cultura, lavoro, ambiente e turismo, allo scopo di sottoporre all’attenzione delle istituzioni competenti le istanze e le problematiche relative.

Tra i compiti della Consulta anche quelli di favorire politiche inclusive per i giovani, promuovere sinergia tra le associazioni che operano nel settore, favorire la conoscenza e l’accesso a bandi e fondi europei, coinvolgere l’amministrazione comunale nella ricerca di sedi per le associazioni giovanili, promuovere progetti e iniziative di carattere sociale e culturale, nonché uno spazio sul sito istituzionale del Comune per veicolare gli strumenti informativi dell’ente. Sono ammessi a partecipare ai lavori della Consulta ragazzi di età compresa tra i 16 e i 30 anni, residenti o comunque domiciliati nel Comune dell’Aquila, oppure iscritti a corsi a corsi di studio o contratti di lavoro nel territorio comunale. Potranno partecipare all’organismo un rappresentante per ogni istituto scolastico cittadino, cinque rappresentanti dell’Università, designati dal Consiglio studentesco, un rappresentante per ogni altro istituto o ente di formazione superiore del territorio comunale, oltre al le associazioni no profit, di volontariato, culturali, sportive o di promozione sociale e giovanile, presenti sul territorio da almeno 6 mesi rispetto all’insediamento della Consulta. Gli organismi statutari saranno costituiti da segretario, coordinatore, assemblea  e commissioni di lavoro. La Consulta avrà durata biennale.
Il Consiglio ha quindi preso in esame una controdeduzione alle osservazioni, presentate alla variante al Piano regolatore, per la riorganizzazione del comparto residuo per attrezzature generali a Colle Sapone  ed  una proposta di delibera contenente un programma costruttivo per la realizzazione di edilizia convenzionata nell’area di Paganica. In particolare il programma, presentato dalla ditta Dama dell’Aquila, fa riferimento ad un’area complessiva di circa 8mila metri quadri, di cui mille e 120 da adibire a verde pubblico, mille e 700 a parcheggi e 556 ad attività produttive. Le opere di urbanizzazione secondaria, come pure l’adeguamento della viabilità, dovranno essere realizzate dalla ditta e cedute al Comune dell’Aquila. Entrambe le delibere sono state approvate all'unanimità.
Il Consiglio sta ora discutendo la proposta deliberativa riguardante l'adesione, e l'approvazione dell'atto costitutivo, all'associazione Distretto turistico montano "Gran Sasso d'Italia".