POLTRONE

Consorzio Bim, il ritorno di Iachetti: riconfermato alla carica di presidente

Il presidente uscente rieletto dall’Assemblea consortile con 23 voti favorevoli

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

68

Consorzio Bim, il ritorno di Iachetti: riconfermato alla carica di presidente

TERAMO. Franco Iachetti riconfermato alla guida del Consorzio BIM Vomano-Tordino di Teramo. Si tratta tecnicamente del terzo mandato per il neo presidente, decaduto anticipatamente per revoca da parte del Comune di Montorio e subentrato come delegato del Comune di Tossicia, con scadenza al 7 febbraio 2017, in coincidenza con il rinnovo dell’Assemblea consortile. Costretto ad allontanarsi mesi fa per il ritiro della delega da parte del sindaco di Montorio Gianni Di Centa, Iachetti è stato nominato quale rappresentante del Comune di Tossicia, al posto del dimissionario Giovanni De Amicis.

Una scelta del primo cittadino Franco Tarquini che ha destato qualche polemica, visto che è seguita alla decisione del Tar di rigettare il ricorso dell’ex presidente del Bim Iachetti, al quale il Comune di Montorio aveva tolto la delega per la sua mancata volontà di azzerare le indennità di presidente e giunta del consorzio.

Nei giorni scorsi proprio Tarquini aveva detto di aver verificato la piena disponibilità dell’ex presidente a sospendere la propria indennità in attesa del pronunciamento definitivo nel merito da parte degli organismi preposti.
Iachetti, unico a candidarsi depositando un documento programmatico che sinteticamente ha ripercorso i principali risultati conseguiti dall’uscente Amministrazione consortile (realizzazione opere pubbliche per circa 7 milioni di euro, 4 milioni di euro di introiti in più per i Comuni dal recupero crediti Ici e Imu nei confronti dell’Enel, asilo nido di oltre 1 milione di euro realizzato con fondi d’intervento Federbim per finanziare la ricostruzione post-terremoto ed altri) è stato eletto alla prima votazione a scrutinio segreto nel corso dell’Assemblea di questo pomeriggio alla presenza di 33 su 35 consiglieri delegati dei 26 Comuni consorziati.

Non hanno partecipato alle operazioni di voto i delegati dei Comuni di Montorio, Castellalto, Penna Sant’Andrea e Cermignano. Quindi, su 28 votanti Iachetti ha riportato 23 voti favorevoli, uno contrario, tre schede bianche e una nulla.
Il neo presidente ha annunciato che già da domani provvederà alla nomina dei componenti del Consiglio Direttivo (la Giunta del Consorzio).
«La finalità è restituire in tempi rapidi piena operatività all’Ente – ha dichiarato il neo eletto presidente Iachetti –. Mi adopererò, insieme alla Giunta e rafforzando ancora di più il filo diretto con i Comuni del territorio, per portare a termine gli obiettivi di mandato. Dobbiamo cogliere i frutti di alcune importanti azioni già avviate: al primo posto la trattativa con Enel Produzione Spa per l’adeguamento dei sovracanoni dovuti sugli impianti idroelettrici, inclusi quelli di piccola taglia, come il nuovo centro di produzione di Talvacchia. Poi, su sollecitazione dei Comuni, ci adopereremo per la creazione di un Catasto del sottosuolo, un’opera di ricognizione complessiva sulle reti e sulle infrastrutture esistenti, per la quale si rende necessario un ruolo di coordinamento da parte del Consorzio e di sollecito di un’organica disciplina legislativa regionale. Proseguiremo, inoltre, nell’azione di recupero crediti già avviata nei confronti del Consorzio di Bonifica Nord per gli impianti di produzione di energia elettrica di Santa Lucia e Villa Vomano. Questo a dimostrazione che il Consorzio non opera nella semplice ridistribuzione di risorse, ma si attiva per rappresentare al meglio gli interessi dei Comuni nel confronti dei grandi concessionari e garantire ai territori un equo ristoro ambientale».
«Ringrazio tutti i Consiglieri – conclude Iachetti - per l’ennesimo e ampio rinnovo di fiducia: questo è per me ulteriore sprone per continuare ad operare al meglio e nell’interesse di tutti i Comuni consorziati. Come sempre continuerò a svolgere questo ruolo a tempo pieno e non percependo indennità di funzione in attesa del richiesto pronunciamento in merito da parte degli organi competenti».