DETERMINAZIONE

Chieti, saldi di fine stagione (elettorale): «100 euro per locali a società sportive»

Bassm El Zobhi contesta alcune recentissime determine

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1104

Chieti, saldi di fine stagione (elettorale): «100 euro per locali a società sportive»



CHIETI. Cinque determine firmate tutte in un solo giorno: il 19 maggio scorso.
Sono la numero 591, 592, 593, 598, 599 dell’ottavo settore “Servizio patrimonio e demanio” con le quali sono state affidate una serie di locali ad associazioni di vario genere, ricreative e culturali.
Secondo il consigliere comunale di minoranza Bassm El Zohbi si tratterebbe di determine ‘elettoralistiche’ («Di Primio cerca, in un modo che sfiora il patetico, di rincorrere un consenso che, evidentemente, anche lui si è accorto di non avere più») e l’esponente dell’opposizione contesta l’istruttoria tecnica «assolutamente carente» e documenti in contrasto con i criteri fissati per l’assegnazione e la determinazione del canone per le locazioni e concessioni dei beni immobili comunali, approvato con delibera di consiglio comunale del 2 aprile 2007 n. 363.
«Addirittura», spiega El Zohbi, «la determina 598 affida ad una società sportiva un locale presso la rimessa filoviaria di Santa Filomena di 438mq con un canone di soli 100 euro mensili e con l’applicazione della legge regionale 120/97, la quale può applicarsi solo alle associazione che non hanno scopo di lucro. Alla stessa società sportiva era stato locato lo stesso locale il 23 ottobre del 2014 ad un canone di 631,91 euro, derivante dalla stima tecnica effettuata dall’ufficio tecnico comunale. In sostanza un bel “regalino” di circa 500 euro mensili». 

Con la determina numero 591, invece, il Comune risponde (decisamente in ritardo) alla richiesta fatta ad ottobre del 2014 dall’associazione ‘Tutto spettacolo’ autorizzando l’occupazione di spazi all’interno dell’ex caserma Pierantoni, ovvero uno stanza di 27 mq ad un canone di 18,50 euro mensili.
A marzo scorso, invece, il presidente dell’Associazione Ideali aveva richiesto la concessione di locali comunali e la scorsa settimana si è deciso di assegnargli gli spazi dell’ex asilo nido di via da Caramanico lasciati liberi da un’altra associazione (canone di 58 euro mensili).
Ma El Zohbi contesta anche l’utilizzo ‘improprio’ da parte del sindaco Di Primio del sito istituzionale del Comune: «nell’ultimo mese è tutto un fiorire di comunicati che inneggiano all’operato del primo cittadino uscente e di alcuni ben noti assessori, nei quali si annunciano anche lavori ed iniziative che, guarda caso, vengono promossi in pompa magna solo in questi ultimi giorni di campagna elettorale. Alcuni di questi annunci riguardano progetti vecchi di cinque anni e mai realizzati che questi amministratori credono di poter ancora usare strumentalmente convinti di riuscire a buttare fumo negli occhi agli elettori».