LA PROPOSTA

Abruzzo, reddito minimo garantito, Sel: «600 euro per i disoccupati, i soldi ci sono»

La proposta approderà in Consiglio regionale

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1096

Abruzzo, reddito minimo garantito, Sel: «600 euro per i disoccupati, i soldi ci sono»


ABRUZZO. Un sostegno di 600 euro mensili per disoccupati, inoccupati e precari.
È questa la proposta di Sel Abruzzo, attraverso l'introduzione del reddito minimo garantito, per un sostegno ai disoccupati, agli inoccupati e ai lavoratori precari, che approderà in Consiglio regionale.
Il contenuto è stato presentato lunedì mattina alla stampa dal coordinatore regionale di Sel, Tommaso Di Febo, da Mario Mazzocca, assessore all'Ambiente, da Franco Caramanico, dirigente di Sel Abruzzo e da Gianni Melilla, deputato di Sel, soddisfatti di essere arrivati a questo traguardo ma anche di aver individuato le risorse per assicurare copertura alla legge (circa 40 milioni di euro).
Il sostegno previsto sarebbe di 600 euro al mese e potrebbe interessare 5.000 persone e se fino ad oggi - ha spiegato Caramanico - «era stata giudicata una iniziativa irrealizzabile perchè mancavano i fondi, ora ci sono e derivano dal ricalcolo delle somme dovute alla Regione dai gestori delle centrali idroelettriche per l'utilizzo dell'acqua e dalle somme dovute in relazione alle proroghe per ciò che attiene le derivazioni di acqua, in caso di scadenza delle concessioni».

«Si è creato una sorta di tesoretto - ha fatto notare Melilla - che noi intendiamo usare per il reddito minimo garantito, che rappresenta davvero una bandiera di Sel. In tutti i paesi europei che hanno un minimo di relazione con l'Italia c'è una proposta di questo tipo, e non capiamo perchè non possa esserci anche qui, considerato che si sfiora il 50 per cento di disoccupazione».
Per Di Febo si tratta di una «operazione di dignità e civiltà» mentre Mazzocca ha messo in evidenza che Sel è pronta a «discuterne con le forze politiche e sociali».
La proposta di legge prevede una misura di sostegno a giovani inoccupati, disoccupati nonché ai lavoratori precariamente occupati. «Il reddito minimo garantito potrà inoltre coprire i periodi di inattività forzata e consentire a chi cerca un’occupazione di non essere costretto ad accettare qualsiasi soluzione contrattuale subendo il ricatto per mancanza di reddito», hanno spiegato i promotori.

IL REDDITO MINIMO IN 5 PUNTI

1- 600 euro mensili per dare un sostegno ai disoccupati, agli inoccupati o ai precariamente occupati

2- Non e' cumulabile con strumenti quali gli ammortizzatori sociali o la pensione ed e' destinato a chi, comunque, non supera un reddito di 7mila euro l'anno.

3- I beneficiari devono possedere, al momento della presentazione dell’istanza residenza nella Regione da almeno ventiquattro mesi; iscrizione nell’elenco anagrafico dei centri per l’impiego.

4- Per accedere al Fondo i soggetti in possesso dei requisiti presentano ogni anno domanda al Comune di residenza, il quale trasmette la stessa al Centro per l’impiego della provincia competente.

5- Si ha la decadenza dal beneficio al compimento del sessantacinquesimo anno di età ovvero al raggiungimento dell’età pensionabile.

Reddito Minimo Abruzzo Definitivo SEL