APPALTI

Ortona, decreto ingiuntivo da 1,2 milioni di euro. «Colpa di Coletti»

Forza Italia punta il dito contro l’ex presidente della Provincia di Chieti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1635

Ortona, decreto ingiuntivo da 1,2 milioni di euro. «Colpa di Coletti»

Coletti






ORTONA. Un decreto ingiuntivo da 1,2 milioni di euro è stato notificato nei giorni scorsi da parte del tribunale di Como al Comune di Ortona, alla provincia di Chieti e alla Regione Abruzzo.
Le parti ne dovranno rispondere in solido. La somma è stata richiesta da una ditta esecutrice di lavori effettuati al palazzetto dello Sport, la Bertelè di Como, in occasione dello svolgimento degli eventi sportivi del 2007, ovvero gli Europei di basket femminili, autorizzati in Amministrazione Commissariale.
Un'ingiunzione simile e sempre del tribunale di Como sullo stesso argomento, è stata notificata la settimana scorsa al Comune di Lanciano per 375mila euro.
Proprio in vista degli Europei il palasport ortonese venne ristrutturato. In corso d’opera ci fu un aumento dei costi che però il Comune non avrebbe mai versato. Da qui il decreto ingiuntivo milionario.
Il Comune di Ortona è in fermento nonostante abbia già presentato opposizione e sostenga che la richiesta non regga perché è già stato pagato quanto di sua competenza. Ma una eventuale sconfitta, a cui oggi nessuno vuole pensare, sarebbe un durissimo colpo per le casse già disastrate dell’amministrazione.

«DI CHI SONO LE RESPONSABILITA’?»
«Non bastano i quasi sei milioni di euro di “scoperto” presso la tesoreria comunale, anticipazioni che costano alla comunità una non modica cifra di quasi duecentomila euro all’anno», commenta il consigliere comunale DI Forza Italia, Tommaso Cieri, «non bastano i quasi due milioni di euro di debito verso fornitori di beni e servizi, non bastano tutte le altre posizioni di sofferenza che ci relegano ad una situazione di “dissesto di fatto”»
Cieri nel prossimo Consiglio comunale presenterà un ordine del giorno affinché l’amministrazione dichiari da subito, come intende risolvere il problema e si accerti se ci siano delle responsabilità in ordine al nuovo debito, e se sì a chi siano ascrivibili, e quali sono le azione poste in essere a tutela dell’amministrazione comunale e dei cittadini ortonesi.

CICCOTELLI INCOLPA COLETTI
Intanto Simone Ciccotelli, Coordinatore Locale di Forza Italia punta il dito contro il capogruppo del Pd Tommaso Coletti: «all’ epoca il presidente della Provincia di Chieti, Ente promotore ed organizzatore delle manifestazioni, tramite apposito Comitato, era proprio Coletti. Peraltro il suo vice, Umberto Aimola, firmava atti ed accordi direttamente da presidente vicario del Comitato stesso. Parliamo di una manifestazione costata decine e decine di milioni di euro di cui ci chiediamo ancor oggi l’utilità e di cui forse neppure Coletti ricorda la squadra vincente».
«Alle pubbliche denunce fatte in merito Tommaso Coletti rispendeva invocando serenità», ricorda oggi Simone Ciccotelli, «la stessa serenità che oggi, proprio lui, dubito riesca a trovare. Non è stato in grado di far fronte a questi debiti in qualità di Presidente della Provincia di Chieti e ci chiediamo come possa riuscirci oggi in qualità di capogruppo in Consiglio Comunale del Pd. Purtroppo sembra essere l’ennesimo colpo inferto al barcollante sindaco Vincenzo D’Ottavio».