POLITICA

Maltempo San Salvo, «la Regione e il presidente D’Alfonso si sono dimenticati di noi»

La denuncia del sindaco Magnacca: «qui non si è visto nessuno»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1990

Tiziana Magnacca

Tiziana Magnacca

SAN SALVO. Il Comune di San Salvo è ancora in attesa dell’intervento della Regione Abruzzo dopo il maltempo che ha colpito la città venti giorni fa.
Nessun esponente della Regione si è affacciato da queste parti e il primo cittadino non nasconde l’amarezza.
«Tra i sopralluoghi che il governatore Luciano D’Alfonso sta facendo in gran parte dei luoghi della nostra regione colpiti da eventi calamitosi – commenta il sindaco Tiziana Magnacca – non era prevista una visita nella nostra città e nella zona della marina, dove si sono contati danni per l’esondazione del torrente Buonanotte. Martedì mattina D’Alfonso era nell’alto Vastese ma evidentemente per tornare a L’Aquila avrà preferito un altro percorso evitando il litorale di San Salvo».
La tappa, mai programmata, è stata saltata. Come mai?

Ad oggi, a parte il tavolo tecnico organizzato lo scorso 13 marzo a San Salvo dall’amministrazione Magnacca, il Comune non è stato convocato né contattato dalla Regione per verificare la fattibilità di un intervento serio e strutturale sul torrente Buonanotte. E questo preoccupa non poco.
«Solo il tempestivo intervento dell’Amministrazione comunale e il sacrificio dei cittadini e dei volontari della Protezione civile e dei Vigili del fuoco ha consentito la gestione dell’emergenza», sottolinea il sindaco.
«Ad oggi nessun intervento di pulizia e di bonifica è stato ancora fatto al corso del torrente Buonanotte. Siamo preoccupati perché resta alto il rischio, in caso di nuove e violenti piogge, che ciò che è accaduto possa ancora ripetersi. A nessuno dell’amministrazione regionale è interessato verificare personalmente i danni. Sicuramente una vicinanza anche fisica avrebbe dato un senso maggiore di presa coscienza e concretezza rispetto al dramma vissuto dai miei concittadini. Restiamo in attesa di un segno di vitalità da parte della Presidenza della Regione Abruzzo per la nostra città e per territorio del vastese interessato dalla calamità dello scorso 5 e 6 marzo» conclude il sindaco Magnacca.