POLITICA

Congresso Pd: sfida tra Rapino, Coppola e Della Ventura per la segreteria regionale

Marzoli escluso per «irregolarità insanabili»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2145

Congresso Pd: sfida tra Rapino, Coppola e Della Ventura per la segreteria regionale


ABRUZZO. Si è riunita ieri sera in via Lungaterno sud, nella sede del Pd Abruzzo, la Commissione Regionale per il Congresso.
Gli aspiranti segretari avevano dovuto inviare entro le 20 di venerdì scorso le liste  dei rispettivi delegati alle Convenzioni di Circolo. L’assemblea della Convenzione stessa, di rilevanza regionale avrebbe dovuto ridurre a tre i candidati che poi avrebbero partecipato alle primarie del primo di marzo.
Dall’esame delle liste collegate ad ogni candidato alla carica di segretario regionale la Commissione ha ridotto di fatto già a tre il numero dei candidati, poiché ha rilevato delle irregolarità insanabili nelle liste presentate del candidato Alessandro Marzoli.
Così facendo la necessità del  passaggio dalle assemblee di convenzione viene meno, la fase congressuale ora  passerà direttamente alla elezione primaria del primo Marzo che vedrà in corsa Marco Rapino, Alexandra Coppola e Paolo Della Ventura.

Intanto il segretario provinciale del Partito Democratico di Chieti, Chiara Zappalorto, scende in campo per sostenere la candidatura al congresso regionale di Marco Rapino. «È una scelta naturale appoggiare le persone che in questi anni hanno lavorato costantemente per la crescita del Pd in Abruzzo, sotto la guida di Silvio Paolucci», dichiara Chiara Zappalorto.
 «Con Marco Rapino abbiamo condiviso grandi sacrifici e grandissime soddisfazioni – aggiunge il Segretario provinciale di Chieti – e conosco bene il valore del contributo fornito sino a oggi dal nostro giovane Vice segretario Vicario. Proprio per questo ritengo che la qualità delle sue proposte vadano nella giusta direzione per consentire al Partito Democratico di portare in ogni angolo dell'Abruzzo quelle riforme necessarie al rilancio della Regione».
 Chiara Zappalorto sottolinea inoltre la grande novità portata dal Pd che ha puntato sui giovani in questi anni. «Marco Rapino, Alexandra Coppola, Paolo Della Ventura rappresentano tutte valide scelte per il futuro del Partito Democratico, a testimonianza dell'eccellente lavoro svolto da Silvio Paolucci durante la sua segreteria. Abbiamo tante alternative tra le quali i cittadini potranno scegliere, in quel grande appuntamento democratico rappresentato dalle Primarie del 1 marzo».
 Il segretario Provinciale nelle prossime settimane dovrà dividersi tra il lavoro per la candidatura di Marco Rapino e quello per le elezioni di Chieti di maggio. «Sono certa che, a prescindere da chi sarà il nuovo segretario sarà grande il supporto che verrà fornito allo schieramento di centrosinistra per arrivare alla vittoria nelle Amministrative e dare concretezza a quelle proposte che in questi mesi abbiamo preparato per il rilancio della Città».

«Porteremo avanti, fino alla fine, il nostro congresso sui con-tenuti, l'unico modo che conosciamo di fare politica», assicura inatanto Paolo Della Ventura. «Lo faremo insieme  – prosegue Della Ventura, l’unico candidato delle aree interne – La partita è apertissima e tutta ancora da giocare, nonostante qualcuno pensi il contrario. Continuiamo il nostro percorso, così come l’abbiamo iniziato, nella massima trasparenza. Per quello che ci riguarda continueremo  confrontarci con gli iscritti e con gli elettori del nostro partito, sulla nostra idea di come questo partito regionale debba cambiare ed es-sere riorganizzato, e la nostra battaglia politica sull’autonomia, sulla partecipazione reale, sulla trasparenza. E sui temi su cui il partito dovrà focalizzare la propria azione e la propria proposta progettuale: ambiente, lavoro, infrastrutture, innovazione, ricostruzione, sociale. Come del resto –conclude Della Ventura- abbiamo preso e stiamo prendendo impegni scritti nel nostro programma».
Il primo marzo prossimo, dunque, il nuovo segretario regionale sarà deciso dal voto delle primarie aperte, come previsto dagli Statuti e dai Regolamenti.