POLITICA

San Giovanni Teatino, Feragalli rientra nella Giunta Marinucci all’Urbanistica

Cacciagrano si è dimesso per incompatibilità: per lui nuovo incarico all’Arta

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2252

San Giovanni Teatino, Feragalli rientra nella Giunta Marinucci all’Urbanistica

SAN GIOVANNI TEATINO. Alessandro Feragalli, già assessore della giunta Marinucci, torna all’Urbanistica dopo un anno e mezzo e prende, inoltre, le deleghe del dimissionario Marco Cacciagrano.
La nomina arrivata nei giorni scorsi dal sindaco Luciano Marinucci, «è una scelta dettata dalla necessità di avere sempre Assessori al servizio della comunità», spiega il primo cittadino.
Cacciagrano, che si è dimesso per incompatibilità con il suo nuovo incarico di direttore amministrativo dell’Arta, l’agenzia regionale per l’ambiente dove lavora da anni.
«Voglio fare innanzitutto i miei complimenti e auguri a Marco Cacciagrano che si è distinto per impegno, efficienza ed efficacia in settori importanti e delicati come quelli del bilancio e delle finanze - dice il sindaco Luciano Marinucci - la sua alta professionalità non è passata inosservata e per lui, in servizio presso l’Arta è arrivata la nomina a Direttore Amministrativo. Il rammarico è tanto, ma il nuovo incarico non permetterebbe a Marco Cacciagrano di garantire lo stesso impegno, in termini di tempo, profuso fino a ieri; oltre al dispiacere, però, c’è anche la soddisfazione, data dal fatto che un esponente di questa Amministrazione sia stato chiamato a ricoprire un ruolo così alto e di raccordo regionale».
La sua uscita ha indotto il primo cittadino ad una riflessione e a un nuovo bilanciamento all’interno della Giunta: «un’occasione per constatare, di nuovo, la forza della mia squadra, fatta di una grande coesione, garanzia di forte equilibrio interno».
Da qui la decisione di richiamare Feragalli: «tornerà anche per dedicarsi alla finalizzazione della variante del piano regolatore, nonché all’Urbanistica. Una volta ultimato, il lavoro sarà un vanto non soltanto per la nostra Regione, ma diventerà un esempio di buone pratiche a livello nazionale».