IN COMUNE

Farmacia comunale Montesilvano, 5 Stelle: «no alla gestione di un privato»

I consiglieri comunali: «siamo assolutamente contrari»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1696

Farmacia comunale Montesilvano, 5 Stelle: «no alla gestione di un privato»




MONTESILVANO. In questi giorni si sta discutendo della proposta della maggioranza di dare in gestione la Farmacia Comunale di Montesilvano ad un privato mediante un bando pubblico.
Il Movimento 5 Stelle non ha dubbi: «siamo nella maniera più assoluta contrari», spiegano i consiglieri comunali Manuel Anelli, Gabriele Straccini e Poala Ballarini.
Per i grillini la gestione della farmacia comunale deve rimanere pubblica perché prima di affidarla a privati «è bene verificare quali siano i reali motivi di perdita. Il comune dovrebbe valutare tutte le possibilità atte a portarla in attivo, come un buon imprenditore. E’ possibile che il pubblico soccomba sempre al privato? Basta fare regali ai privati. Natale è passato ma i regali continuano».
«Ad esempio», ha fatto notare Anelli, «nei tempi d’oro per la pubblica amministrazione sono state assunte troppe unità oggi in organico alla Farmacia. Basti pensare che al 31 Dicembre 2013 il costo del personale si è attestato a 176.000€. La voce in bilancio sulla forza lavoro è troppo elevato in relazione al bilancio globale, il 22% del bilancio della Farmacia è destinato al personale».
I 5 Stelle si chiedono come siano stati assunti questi dipendenti: «la mano longa della politica ha avuto interessi? Potremmo riscontrare qualche cognome famoso da ricondurre a qualche politico di lungo corso?»

Nei primi mesi di amministrazione era nata la proposta di collocare la Farmacia Comunale dentro Porto Allegro a canone gratuito per 6 anni risparmiare 2.600€ mensili, che in 6 annualità avrebbe fatto risparmiare alle casse comunali ben 187.200€.
Questa proposta è stata affondata. Inoltre più volte in Commissione Sanità la consigliera Paola Ballarini ha chiesto di sapere come mai non abbiano smembrato dalla proposta di delibera sulla Farmacia Comunale il trasporto dei disabili: «infatti», spiega la consigliera, «stiamo parlando anche di “servizio di assistenza al trasporto scolastico ed extrascolastico. L’intera commissione voterebbe a favore della concessione alle associazioni di questo servizio. Questa proposta è in linea con la nostra idea di welfare generativo che va incontro alle esigenze dei cittadini e della pubblica amministrazione».
Altro punto cruciale è il leasing contratto per i beni strumentali in mano all’attuale Farmacia. Che fine farebbe? Nella bozza di delibera non si spiega.
«La gestione del pubblico non può essere così fallimentare», insistono i 5 Stelle, «bisogna rilanciare la farmacia per fare politiche di esenzione e dare i giusti servizi al cittadino. Il Comune deve rilanciare la farmacia tenendo d’occhio gli sprechi e lavorando sempre sull’ottimizzazione dell’utile, che una gestione oculata dovrebbe dare.
La farmacia costa troppo, produce poco e non da servizi a causa della scellerata gestione clientelare. Maragno è stato eletto per essere il capitano coraggioso e non per fare il liquidatore fallimentare svendendo gli assets economici comunali».