POLITICA

Montesilvano. Ruggero contro i 5 Stelle: «poltrone in arrivo per i grillini trombati»

Ma Anelli respinge le accuse al mittente

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1953

 Montesilvano. Ruggero contro i 5 Stelle: «poltrone in arrivo per i grillini trombati»

Ruggero

MONTESILVANO. Lino Ruggero, capogruppo in Consiglio comunale di Montesilvano Democratica, torna ad attaccare il Movimento 5 Stelle, accusato di essere la ‘stampella’ del sindaco Francesco Maragno.

Ruggero anche oggi ribadisce lo stesso concetto, convinto che i grillini predichino bene ma razzolino male: «dopo aver fatto più volte la stampella di Maragno, salvando un’amministrazione che non ha più i numeri, ora il Movimento 5 Stelle si affretta ad occupare una poltrona dorata nel consiglio di amministrazione dell’Azienda speciale per i servizi sociali. La fretta dei grillini nel nominare due candidati per il Cda di questo immenso carrozzone degli sprechi, dimostra, con certezza, che l’opposizione matura e costruttiva, la coerenza oppure la voglia di cambiamento predicate dai 5 Stelle sono, in realtà, un mucchio di parole vuote».

Nelle ultime ore, infatti,  il Movimento ha ricevuto dal sindaco Maragno l’invito, esteso anche a tutti i gruppi consiliari di opposizione, a presentare un nominativo come candidato a rivestire il ruolo di consigliere all’interno del CdA dell’Azienda Speciale.
«Riteniamo la presenza di un componente, espressione delle minoranze presenti in seno al Consiglio Comunale, una prerogativa ed un’opportunità per un’opposizione matura, costruttiva e non attaccata ad interessi di parte, hanno replicato i grillini che per questo hanno accettato l’invito e proposto il nome di Luana Roselli, candidata come consigliere regionale alle ultime elezioni amministrative di maggio, e Marco De Marinis, candidato come consigliere comunale.

«Tanti montesilvanesi hanno passato delle feste amare a causa della stangata Tari, ma piuttosto che dare un po’ di sollievo ai cittadini disagiati, l’unica preoccupazione del sindaco riguarda le nomine dei cinque consiglieri che siederanno nel Cda dell’Azienda speciale», attacca Ruggero. «Il Movimento 5 Stelle ha scelto due trombati della politica, ovvero due ex candidati alle elezioni regionali e comunali dello scorso maggio. Dinamismo mancato però quando i 5 Stelle si sono astenuti nel votare la proposta di Montesilvano Democratica di far slittare a gennaio il pagamento della prima rata Tari». 

«La direzione presa dai grillini, anticipata già da Montesilvano Democratica dopo la votazione del Bilancio, ci stupisce ancora di più – aggiunge Ruggero – perché durante l’amministrazione del centrosinistra Manuel Anelli si dichiarava contrario ai Cda e appoggiava l’idea dell’amministratore unico per la gestione dell’Azienda. L’interesse attuale per le poltrone dimostra che il progetto politico dei grillini stia diventando poco credibile: i buoni propositi a favore della comunità sono svaniti, le idee di partenza completamente rovesciate. In poche parole, la convenienza ha occupato il posto della coerenza».

Secondo Montesilvano Democratica per «trovare numeri che non ha più, Maragno non esita ad assegnare posti a chi in campagna elettorale era contro di lui».

«Il simpatico Lino Ruggero si riferisce forse a Gabriele di Stefano, Paolo Rossi ed Enea d’Alonzo?», replica Manuel Anelli. «Solo loro sono votarono a favore il Bilancio di previsione 2014. Sarò forse sbadato ma mi sembra di ricordare che loro sono stati prodotti ed eletti dalla stessa coalizione che ha portato Lino Ruggero come sindaco. 
Forse mi sfugge il nesso ma penso che gli stessi uomini di Ruggero, non rispondendo più ai suoi comandi, abbiamo appoggiato la maggioranza. Il povero capitano di ventura che non riesce neppure a gestire i suoi uomini attacca noi che non votammo  a favore alcun bilancio e non ci prestiamo ai suoi giochetti politici? Attacca noi il Centrosinistra per camuffare i suoi fuoriusciti che da brave crocerossine hanno aiutato Maragno. Proprio tu parli Ruggero?»