IN COMUNE

Pineto, i 5 Stelle bocciano i primi 6 mesi di Verrocchio

«Turismo peggiorato, tasse aumentate»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2362

Pineto, i 5 Stelle bocciano i primi 6 mesi di Verrocchio




PINETO. Il Movimento 5 Stelle boccia i primi sei mesi di amministrazione Verrocchio: «cerca di emulare il presidente del Consiglio, facendo annunci suggestivi che nulla hanno a che vedere con la realtà».
Secondo il sindaco in questi sei mesi a Pineto si è fatto molto per il turismo, per i risparmi in bilancio, per il sociale e per Mutignano.
Ma dai grillini arriva una sonora bocciatura: «quest’anno vi è stato un netto calo di presenze turistiche e che, a differenza di ciò che accade in giro, Pineto è forse l’unico Comune che ha aumentato il bilancio anziché tagliare le spese. Come ha fatto ad aumentare il bilancio? Semplice: ha raddoppiato l'aliquota della TASI, ma per il sindaco questo è un riallineamento alla stragrande maggioranza dei comuni italiani».
«Il nostro Comune», analizzano i 5 Stelle, «paga circa un 1.200.000 euro l’anno per i debiti contratti con la Cassa Depositi e Prestiti e appena si è data la possibilità di aumentare l’indebitamento, hanno subito contratto ulteriori 450.000 euro di debiti».
Per il sociale «vi è stata una significativa riduzione delle somme a disposizione delle famiglie in difficoltà e più che sentire il sindaco, sarebbe utile ascoltare quelle famiglie che oltre a vivere le difficoltà, devono anche subire gli annunci degli affabulatori dei tempi moderni». Anche a Mutignano, secondo i pentastellati, non sembra sia cambiato molto «a meno che per cambiamento non si intendano le varie feste organizzate, ma ciò appare, sempre più, qualcosa di simile a quanto allora veniva riassunto in “panem et circenses”».

Nelle scorse settimane, inoltre, il M5S ha presentato una mozione contro la legge denominata “Sblocca Italia”. La mozione è stata accolta favorevolmente da molti Comuni, come Teramo, Giulianova, Silvi e Nereto ma l’amministrazione di Pineto l'ha rigettata all'unanimità, «dimostrando di non avere nessun interesse a schierarsi al fianco dei cittadini in difesa del nostro territorio. Come può facilmente dimostrarsi, al netto dei facili annunci, rimane un bilancio molto deludente, incapace di dare una prospettiva e di incidere in modo significativo su temi fondamentali come il bilancio o la gestione del servizio rifiuti, che nonostante la differenziata, continua a produrre aumento dei costi e della conseguente tassa sugli stessi».
Adesso i grillini aspettano di leggere il bando per il Park Adventure di Parco Filiani «quello stesso parco dove sono stati investiti oltre 700.000 € dalla passata amministrazione Monticelli non più di qualche anno fa, soldi pubblici spesi per rendere accessibile e sicura quell'area verde di proprietà dei cittadini di Pineto. Vogliamo capire quali saranno i termini di contratto con la ditta vincitrice del bando, quanto costerà ai cittadini la realizzazione e la manutenzione, quale sarà la durata del contratto, quanto guadagnerà il comune e di conseguenza i cittadini nel dare in gestione un'area comunale, quali saranno i termini di utilizzo del parco ossia se i residenti potranno usufruire di uno sconto al biglietto di ingresso, quale sarà l'area destinata al parco e se detta area sarà a suo uso esclusivo».