RIFIUTI

Provincia di Teramo, «un Piano d’azione per la riduzione dei rifiuti»

“Teramo verso rifiuti zero”: la manifestazione sabato 22 novembre

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2523

Provincia di Teramo, «un Piano d’azione per la riduzione dei rifiuti»

 
TERAMO. Questa mattina, nella Sala Giunta della Provincia di Teramo si è svolta la presentazione di “Teramo Verso Rifiuti Zero” una manifestazione che si svolgerà sabato 22 novembre a partire dalle ore 17.00 a Teramo, nella sala San Carlo, organizzata dall’associazione Zero Waste.
 Durante la conferenza stampa, il Presidente della Provincia, Renzo Di Sabatino, ha annunciato che chiederà ai Comuni di predisporre il Piano d’azione per la prevenzione e di riduzione dei rifiuti: «Si tratta di un documento di pianificazione triennale, vera cartina di tornasole della bontà delle politiche di gestione dei rifiuti; perché solo una seria programmazione e un costante monitoraggio sulla produzione dei rifiuti ci consentono di verificare se stiamo raggiungendo gli obiettivi – ha dichiarato il Presidente aggiungendo - una proposta che si ascrive alla nostra intenzione di svolgere un ruolo di coordinamento nella programmazione e pianificazione dello smaltimento dei rifiuti e alla nostra volontà di portare questa provincia ad un’autonomia impiantistica con una gestione pubblica e unica che veda insieme tutti i Comuni. Sono certo che in questa strategia il sindaco di Teramo vorrà darmi una grossa mano; solo così sarà possibile ridurre davvero i costi rispetto all’attuale sistema».
 Il pensiero del Presidente è stato condiviso dal sindaco di Teramo, Maurizio Brucchi, che ha sottolineato l’urgenza di arrivare presto all’autonomia impiantistica e al gestore pubblico unico, rafforzando, nel frattempo, le azioni di riduzione e riciclo: «che passano anche attraverso un’accresciuta consapevolezza da parte dei cittadini, ed è per questo che abbiamo sostenuto l’iniziativa di Zero Waste».
 Aumentare la consapevolezza dei cittadini rispetto alla riduzione, riciclo e riuso dei rifiuti è l’obiettivo dell’Associazione Zero Waste, rete internazionale di volontari che lavora per arrivare ai “Comuni a rifiuti zero”.

Luciana Del Grande, presidentedi Zero Waste Teramo e promotrice dell’iniziativa, ha infatti posto l’accento sul fatto che il primo passo da intraprendere per la riduzione dei rifiuti è «necessariamente la riduzione della loro produzione. La città di S. Francisco vanta il 90% di riciclo dei rifiuti, obiettivo raggiunto, ad esempio, vietando la vendita dell’acqua in bottiglie di plastica. In Italia già 800 Comuni sono all’avanguardia in tal senso».
L’iniziativa di sabato, si avvarrà, fra gli altri, del contributo di Alessio Ciaccio, ex assessore all’ambiente del comune di Capannori (Lucca), eletto “Personaggio Ambiente” 2012, che illustrerà il percorso dei 10 passi verso Rifiuti Zero, ovvero le alternative praticabili per i rifiuti non riciclabili.
Giancarlo Odoardi, Presidente di Ecoistituto Abruzzo e vice presidente di Edénia soc.coop., esperto in compostaggio, ideatore del progetto Mondocompost avviato nel 2010 grazie alla stipula di un protocollo di intesa tra Ecoistituto Abruzzo e Regione Abruzzo parlerà di compostaggio domestico,  una pratica che asseconda la normale trasformazione della materia organica, il cosiddetto umido, che autoprodotto determinerebbe un notevole risparmio per la collettività mentre a tutt’oggi è ancora considerato e trattato erroneamente come un rifiuto ad altissimi costi di smaltimento.

L’evento coinciderà con la Settimana Europea della Riduzione dei Rifiuti 2014 che ha come tema “Lo spreco alimentare”. A tale riguardo interverrà il Dino Mastrocola, prorettore e docente della facoltà di Bioscienze e tecnologie alimentari dell’Università di Teramo, con la presentazione del progetto “Dal buono pasto al pasto buono” realizzato nella mensa universitaria, che prevede la somministrazione di pasti a chilometro zero ad alta sostenibilità ambientale con importanti risvolti anche di carattere sociale.
Nel corso dell’evento si assisterà alla proiezione di alcune scene del film documentario “TRASHED”, prodotto ed interpretato da Jeremy Irons che ci conduce in un viaggio di incredulità e speranza attraverso i cinque continenti del globo, mostrando quanto l'inquinamento dell'aria, della terra e dell'acqua stia mettendo in pericolo la salute dell'uomo. Un film allarmante sullo stato di salute del pianeta Terra, un atto d’accusa nei confronti della grande economia mondiale, ma anche un forte incitamento al cambiamento per un mondo migliore.