LA PROPOSTA

Comune Pescara, la proposta del M5S: «tagliare 3 dirigenti e incentivi meritocratici ai dipendenti»

«Motivare al meglio i lavoratori»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3283

Comune Pescara, la proposta del M5S: «tagliare 3 dirigenti e incentivi meritocratici ai dipendenti»

PESCARA. «L’amministrazione comunale ha un costo troppo elevato per la collettività. Solo nel 2012, il Comune di Pescara ha speso 1.827.471 euro per 18 dirigenti».
La denuncia arriva dalla capogruppo del Movimento 5 Stelle Enrica Sabatini, che fa i conti: «circa 186.540 euro in più rispetto al 2011. Abbiamo richiesto i dati del 2013 che non sono stati ancora pubblicati sul sito».
Ecco perché il Movimento Cinque Stelle di Pescara ha presentato una proposta «concreta ed immediatamente eseguibile» per rivoluzionare l’organigramma del Comune di Pescara e razionalizzare i costi della macchina amministrativa «ed incrementare, al tempo stesso, l’efficienza, l’efficacia e la qualità dei servizi al cittadino».
Dunque in risposta alla preannunciata rimodulazione della macrostruttura promessa dell’assessore Bruna Sammassimo entro le fine del mese di ottobre, il Movimento 5 stelle anticipa i tempi e lo scorso 29 ottobre ha inviato al presidente del Consiglio e al sindaco una proposta di deliberazione all’interno della quale è contenuto un disegno dettagliato delle azioni da intraprendere per ridurre i costi e semplificare l’organizzazione comunale.

LA PROPOSTA
La proposta prevede una riduzione della spesa per il personale da realizzare attraverso la soppressione dei dipartimenti, l’accorpamento dei settori e la riduzione di almeno tre unità dirigenziali grazie ai prossimi pensionamenti e mobilità in uscita.
«Quest’ultima azione», spiega Sabatini, «sarebbe in linea con quanto auspicato anche dalla stessa giunta Alessandrini che, in una recente delibera del 16 ottobre 2014 ha modificato il regolamento delle selezioni pubbliche per l’accesso all’impiego del Comune, abrogando un comma per cui i vincitori di concorso non devono più permanere in servizio per un periodo di almeno cinque anni».

«BLOCCO ASSUNZIONI PERSONALE DIRIGENZIALE»
Pochi giorni fa, la Giunta Alessandrini ha modificato il regolamento delle selezioni pubbliche, hanno fatto notare i 5 Stelle, eliminando selettivamente il vincolo di permanenza quinquennale per i vincitori di concorso.
«Vista l’efficienza e la tempestività di questa azione della Giunta per favorire la mobilità dei dipendenti pubblici che ne abbiano fatto richiesta e contenere così la spesa pubblica e il costo del personale» ha aggiunto la Sabatini «ci aspettiamo che, come conseguenza logica, vengano bloccate nuove assunzioni di personale dirigenziale, valorizzando quello esistente, altrimenti questa modifica di regolamento porterebbe solo a uno slittamento di graduatoria con nuove assunzioni e nessuna riduzione dei costi».

Nella proposta del M5S sono previste la valorizzare del personale non dirigenziale attraverso un superamento dei progetti obiettivo che riguardano solo una piccola parte dei dipendenti e aprendo la strada invece ad un sistema incentivante che coinvolga tutti i dipendenti e «che sia selettivo in funzione del merito ed, inoltre, in linea con la normativa di riferimento ad oggi non applicata pienamente».
«E’ necessario motivare ed impiegare al meglio i dipendenti comunali che, nella quotidianità portano avanti l’aspetto 'più operativo e pratico'» sottolinea la capogruppo del M5S «in modo da garantire ai cittadini pescaresi servizi efficaci, efficienti e di qualità».
Un’ultima richiesta del M5s è quella di non escludere il Consiglio comunale, e quindi tutti i gruppi politici, nella determinazione dei criteri di tale organizzazione chiedendo, infatti, al sindaco e al Presidente del Consiglio di aprirsi ad un lavoro di confronto «che sfrutti, su una tematica così rilevante, i contributi e le competenze di tutti i consiglieri e non solo ed esclusivamente dei componenti la Giunta».