POLITICA

Trasparenza al Comune di Pescara, Blasioli ai consiglieri: «aderite alla Carta di Pisa»

Il documento è il frutto di un anno di lavoro di un gruppo di esperti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1597

COMUNE PESCARA

PESCARA. Questa mattina il presidente del Consiglio comunale di Pescara, Antonio Blasioli, ha inviato una comunicazione a tutti i consiglieri per invitarli a sottoscrivere la Carta di Pisa.
L’8 agosto il Consiglio comunale di Pescara ha approvato un ordine del giorno presentato dal Movimento 5 stelle, circa l’adozione da parte del Comune di Pescara della Carta di Pisa, un codice di condotta per gli amministratori locali promosso dall’associazione Avviso Pubblico nel febbraio 2012.
L'iniziativa scaturisce da ua proposta del Movimento 5 Stelle.
«Si tratta di un codice etico-comportamentale destinato a politici», spiega Blasioli, «eletti e nominati, che impone, fra le altre cose, piena trasparenza di redditi, patrimoni, finanziamenti politici, criteri di nomina, ovvero sulla base del merito, conflitti di interesse, rapporti coi mezzi di comunicazione, divieto di accettare regali e di cumulare cariche. Regole di buona politica, in sostanza, che sono sicuro già tutti i consiglieri di Pescara rispettino».
Nello specifico, “Carta di Pisa” è uno strumento che consente di proclamare, mediante una dichiarazione pubblica, la volontà di esercitare la propria azione quotidiana di governo nella trasparenza e nella legalità. 


Il documento è il frutto di un anno di lavoro di un gruppo di esperti, coordinati dal professor Alberto Vannucci, dell’Università di Pisa, che ha realizzato un codice etico-comportamentale destinato agli Amministratori pubblici, contenente specifiche regole di condotta finalizzate a rafforzare la trasparenza e la legalità all’interno delle istituzioni pubbliche, in particolare contro la corruzione e l’infiltrazione mafiosa, prevedendo anche delle sanzioni, su una serie di questioni specifiche.
I firmatari del codice si impegnano a conformare la loro condotta ai doveri istituzionali di servire la Comunità con diligenza, rettitudine e trasparenza, nel rispetto dei principi del buon andamento ed imparzialità dell'Amministrazione e dei principi di disciplina ed onore nell'adempimento delle funzioni pubbliche, nonché a svolgere il loro mandato evitando situazioni e comportamenti che possono nuocere agli interessi o all'immagine della Pubblica Amministrazione.
«La “Carta di Pisa” si ispira a un principio profondamente garantista, e non giustizialista», sottolinea Blasioli, « perché offre una tutela ai cittadini, garantendoli di essere governati da amministratori che hanno la chiara volontà di agire esclusivamente nella trasparenza e senza l’ombra del dubbio della illegalità. Ritengo quindi indispensabile, per dare un segnale forte ai cittadini e per farli sentire ancor più protetti, dato che la Carta di Pisa prevede anche pene severissime (fino alle dimissioni) in caso di trasgressione, da parte degli amministratori di Palazzo di Città sottoscriverla quanto prima. Anche, e soprattutto, per dare seguito ad un ordine del giorno approvato in seduta consiliare».
Per questo ho Blasioli ha fatto predisporre il documento e ha invitato tutti a sottoscriverlo, «esattamente come ho già fatto io. Credo che la trasparenza e la coerenza siano due valori fondamentali per chi svolge un incarico pubblico ed è per questo che, fra qualche settimana, vi renderò conto di chi ha aderito e dell’evolversi della situazione. Perché una volta sottoscritta la Carta di Pisa non si avrà solo lasciato una firma su un foglio, ma i suoi principi dovranno trasparire nella nostra azione quotidiana di governo».