POLITICA

Ortona, D’Ottavio alla ricerca dei nuovi assessori

Dopo l’azzeramento nessuno degli ex sarà riconfermato

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2480

Vincenzo D'Ottavio

Vincenzo D'Ottavio






ORTONA. E’ il momento della riflessione ad Ortona dopo le dimissioni di 7 giorni fa del vice sindaco Roberto Serafini.
Il numero due di palazzo di città ha deciso di lasciare per «motivi personali» e il suo addio ha creato uno scossone in Comune. Mercoledì, infatti, il sindaco Vincenzo D’Ottavio ha deciso di azzerare la Giunta Comunale revocando la nomina di tutti gli assessori comunali. Vuole cambiare marcia e ritrovare solidità con tutte le forze di maggioranza, anche quelle che negli ultimi mesi avevano preso le distanze.
Secondo D’Ottavio l’azzeramento di tutte le deleghe «è stato un atto necessario per rivitalizzare e rilanciare l'attività di questa amministrazione che deve ripartire dalla coalizione di centrosinistra vincitrice delle elezioni comunali». Ora si sente pronto a «ricostruire la mia maggioranza, contatterò tutte le forze politiche, con l'obiettivo di ricompattare e per portare a termine il programma elettorale. In tempi celeri, senza dubbio». Le consultazioni sono già partite e tra qualche giorno potrebbe essere già annunciata la squadra di governo.
L’idea è quella di non riconfermare nessuno degli assessori già nominati e si starebbe riaprendo una porta anche per Sinistra Ecologia e Libertà. Il partito gli avrebbe suggerito dei «nomi di spessore», degli «esperti» che potrebbero aiutare il primo cittadino a risolvere delle problematiche “spinose”. Si tratterebbe di tecnici, non tesserate Sel, ma comunque di area di centrosinistra.

«D’Ottavio ci deve dire cosa vuole fare e noi valuteremo la sua proposta», dicono invece da Sel Patrizio Marino e Raffaele Gernone. «Sarebbe auspicabile una giunta del sindaco per continuare l’azione di governo, sostenuta dai partiti e rispettando il programma politico con il quale abbiamo vinto le elezioni».
Intanto già dal 9 ottobre, dunque quattro giorni prima delle dimissioni di Serafini, il coordinamento cittadino del Partito Democratico di Ortona, ha costituito una delegazione proprio per effettuare una verifica e un monitoraggio sull’attività e sui risultati conseguiti dall’Amministrazione comunale e dai componenti della Giunta Comunale del Partito Democratico.
La maggioranza si ritiene soddisfatta e sostiene che nei primi due anni di attività siano stati conseguiti «importanti risultati nell’interesse della comunità ortonese».