LA PROTESTA

L’energy Manager di Teramo nominato anche a Campli

La minoranza chiede la revoca dell’incarico

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2133

CAMPLI

CAMPLI. Anche il Comune di Campli dopo quello di Teramo ha deciso di affidarsi alla figura dell’ Energy Manager incaricando un professionista esterno per una somma pari a 20 mila euro.

L’incarico dopo essere stato oggetto di numerose discussioni politiche a Teramo, contestato tra l’altro anche dall’Ordine degli Ingegneri di Teramo, è stato dunque replicato scegliendo lo stesso “esperto in energia”.
«La prestazione professionale oggetto dell’incarico a Campli», dice il consigliere comunale Marino Fiorà, «riguarda il servizio di supporto alla progettazione a sostegno delle procedure di gara per l’affidamento del Servizio Energia. Ovvero secondo la determina di incarico tale esperto dovrebbe essere di supporto ad una progettazione che poi dovrebbe fare l’ufficio tecnico comunale. Ma allora perché incaricare un esterno se la progettazione può essere fatta internamente?»
«Inoltre in base alle contestazioni dell’ordine degli ingegneri di Teramo fatte al comune di Campli», continua Fiorà, «l’incaricato sembrerebbe non avere i requisiti per poter svolgere attività progettuali come la predisposizione di una gara o di un capitolato di appalto e la qualifica di Energy manager non dà titolo allo svolgimento di attività progettuali per le quali occorre l’iscrizione ad un Ordine Professionale. E la scelta di incaricarlo del servizio di supporto alla progettazione appare come un modo per aggirare, a caro prezzo per i camplesi, l’ostacolo della mancanza dei requisiti professionali».
«E’ una scelta che non condividiamo», conclude il consigliere comunale Marino Fiorà, «anche perché la ex giunta comunale aveva già adottato una delibera simile per il risparmio energetico degli edifici comunali che stranamente non è stata presa in considerazione dalla giunta Quaresimale. Viste le gravi carenze alla base dell’incarico e visto che anche l’ordine degli ingegneri di Teramo ha sollevato al comune di Campli numerose irregolarità nell’incarico, chiediamo la revoca in autotutela della prestazione professionale, invitando l’attuale amministrazione a riprendere il percorso già tracciato dalla precedente giunta. E se proprio vogliono risparmiare sui consumi e fare il bene di Campli, che si affidino ad uno dei tanti professionisti camplesi, magari giovane, con i requisiti professionali chiari e riconoscibili a tutti».