ENTI PUBBLICI

Rifiuti. Consorzio comprensoriale chietino: nuovo Cda: «ora uscire dalla crisi»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3042

Rifiuti. Consorzio comprensoriale chietino: nuovo Cda: «ora uscire dalla crisi»

PIergiuseppe Mammarella


FARA FILIORUM PETRI. L'Assemblea dei Comuni consorziati, riunita ieri 16 ottobre 2014 alle ore 18.00 a Fara Filiorum Petri, ha nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione del Consorzio. Fanno parte del nuovo CdA: Piergiuseppe Mammarella (Presidente) sindaco di Vacri, Katja Baboro sindaco di Torrevecchia Teatina, Camillo D'Onofrio sindaco di Fara Filiorum Petri, Marcello Salerno, sindaco di Ari, Lorenzo Pirozzi, consigliere comunale di Francavilla al Mare.
Quattro dei cinque componenti del CdA sono sindaci dei Comuni consorziati pertanto, da statuto, hanno rinunciato a qualsiasi indennità od altro emolumento per la carica ricoperta.
«L'effetto più diretto ed immediato di questa decisione è», spiega il presidente Mammarella, «da un lato, una riduzione dei costi di funzionamento a carico del Consorzio e, dall'altro, un CdA che aumenta i propri membri da 3 a 5, consentendo una più incisiva ed efficace azione amministrativa e gestionale. Questo dimostra che la disponibilità dei Sindaci a far parte del CdA è stata una scelta di grande responsabilità, adottata nell'esclusivo interesse del Consorzio e delle Comunità che i Sindaci sono chiamati a rappresentare. Sempre al fine di contenere i costi di funzionamento, l'Assemblea dei sindaci ha dato indirizzo anche di ridurre i componenti del CdA della Consac e del collegio dei revisori (sia della Consorzio che della Consac)».
Come è stato sottolineato da alcuni interventi durante l'assemblea, in particolare dal neo Presidente Mammarella, il risultato raggiunto «è stato favorito soprattutto da un nuovo e positivo clima di collaborazione e di partecipazione in seno all'Assemblea dei Sindaci, che si è venuto a creare anche grazie al rinnovo di gran parte delle amministrazioni dei Comuni consorziati».
Tutte le decisioni sono state assunte in maniera pressoché unanime.
L'obiettivo dichiarato dal nuovo Cda è quello di «uscire da una fase di stallo che aveva reso impossibile, nelle ultime assemblee, di assumere decisioni importanti e di giungere ad una piena condivisione su deliberazioni fondamentali, come quelle relative all'approvazione dei bilanci».
I nuovi componenti del Cda hanno ringraziato il presidente uscente, Adamo Carulli, per la «correttezza, l'estrema disponibilità e lo spirito di collaborazione che hanno caratterizzato l'intero suo mandato di amministratore del Consorzio».