DIRITTI CIVILI

Comune Pescara, a breve l’apertura dell’ufficio per le Unioni Civili

Il registro è stato istituito nel 2008 ma mai diventato operativo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1923

Comune Pescara, a breve l’apertura dell’ufficio per le Unioni Civili

PESCARA. Il Comune di Pescara ha cambiato il segretario generale. Antonello Langiu assunto il 25 gennaio scorso dalla precedente amministrazione Mascia, ha lasciato il suo posto a Carla Monaco, 53 anni, originaria di Roma, già segretario generale al Comune di Francavilla. Uno dei primi incarichi affidati al nuovo segretario è stato quello di lavorare all'istituzione di un Ufficio del registro comunale per le Unioni Civili.  «La dottoressa Carla Monaco», ha spiegato il sindaco Marco Alessandrini, «sta predisponendo tutto ciò che a livello tecnico e normativo servirà per la delibera che porteremo in Giunta circa l’apertura in tempi brevi dell’ufficio pubblico dove i cittadini possano avere informazioni e risposte sulle proprie pratiche e potranno andare a registrarsi se rientrano nello status di coppie di fatto».

Si tratta di una fetta consistente della popolazione, rimasta sospesa da anni perché vive una condizione non ancora tutelata pienamente a Pescara, dove il registro, istituito con delibera consiliare nel 2008, non è mai diventato operativo.
«Istituire l’ufficio è un passo necessario per andare nella direzione di una tutela dei diritti di cui c'è un gran bisogno», ha detto il primo cittadino. «Trovo sia poi necessario anche che la Pubblica Amministrazione si faccia portatrice di trasparenza e chiarezza circa lo status di tutti i membri che fanno parte della comunità territoriale e che sono legittimi portatori di diritti che devono avere piena efficacia».
Il riferimento è ovviamente alle polemiche dei giorni scorsi quando il ministro Angelino Alfeni ha inviato una circolare ai prefetti chiedendo di non registrare le unioni tra coppie omosessuali. 

Il registro delle Unioni Civili avrà un percorso anche in Consiglio Comunale, sarà infatti presentata oggi all’Ufficio di Presidenza una proposta di deliberazione di integrazione del Regolamento sulle Unioni Civili «che sia in grado di rispecchiare la realtà della nostra città nello stabilire le tutele a cui questo status darà diritto per quanto attiene alle politiche comunali».
Non mancano polemiche da parte del centrodestra. La consigliera di minoranza, Isabella Del Trecco, ha scritto su Facebook: «la priorità del figlio di Alessandrini e nipote del podestà di Penne? Il registro delle coppie di fatto! meno male che si definiva "cattolico" ‪#‎poverapescara».