IL GOVERNATORE

D'Alfonso incontra poste italiane: «un ufficio in ogni Comune»

Individuate nuove opportunità di collaborazione

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1145

poste

La delegazione in Questura





ABRUZZO. Un incontro con i responsabili di Poste italiane con il presidente della giunta Luciano D’Alfonso, si è tenuto ieri per affrontare la questione legata al piano di riorganizzazione degli uffici postali e individuare nuove opportunità di sviluppo e collaborazione.
Nella riunione è stata riferita la volontà di Poste di mantenere un ufficio in ogni comune abruzzese sempre in un'ottica di razionalizzazione del funzionamento delle sedi. Tuttavia a questo seguiranno altri incontri con la società per definire la presenza di Poste italiane sull'intero territorio abruzzese a salvaguardia dell'occupazione e degli interessi dei cittadini.
Punti di collaborazione tra Regione e Poste italiane hanno riguardato anche l'ambito sanitario e la semplificazione dei rapporti tra Pubblica Amministrazione e cittadini come canale di accesso ai servizi della PA o supporto alla gestione dei processi.
Il presidente D'Alfonso ha anticipato due linee strategiche di spesa da inserire nella prossima Finanziaria: la prima legata ad un fondo per sostenere famiglie che chiedono un'adozione ma che non raggiungono il limite di reddito previsto dalla legge. In secondo luogo, un credito finalizzato allo studio in favore del programma di mobilità studentesca Erasmus per favorire e migliorare partenariati tra istituzioni ed organizzazioni nei settori dell'istruzione, della formazione e del mondo del lavoro

D’ALFONSO DAL QUESTORE
Sempre ieri il presidente ha portato un saluto al questore dell'Aquila e a tutto il personale della struttura in occasione dell'inaugurazione della nuova ala ristrutturata della Questura.
«Siamo qui - ha detto D'Alfonso - perché sappiamo il grande lavoro che la polizia dell'Aquila sta facendo sul territorio ed è proprio per questo che la Regione ha intenzione di avviare con la questura aquilana e tutti i suoi componenti uno stretto rapporto di collaborazione, fatto di scambio di competenze al fine di migliorare la vivibilità del territorio e rafforzare la presenza dello Stato».
Con il presidente D'Alfonso c'era il presidente del Consiglio, Giuseppe Di Pangrazio, il vicepresidente Giovanni Lolli, i consiglieri regionali Pierpaolo Pietrucci e Maurizio Di Nicola che sono stati accolti dal questore dell'Aquila, Vittorio Rizzi.
Un breve incontro con i responsabili dei vari servizi della questura ha preceduto l'incontro che D'Alfonso e i rappresentanti regionali hanno avuto con una delegazione di tutto il personale della questura.
«Noi ci teniamo ad avere un rapporto privilegiato con la Polizia - ha detto il presidente della Giunta regionale - e chiediamo una collaborazione competitiva ad esempio sulla formazione della polizia locale che è di competenza della Regione, ma anche sul controllo del territorio dei comuni con gli apparati di videosorveglianza. La vostra competenza e la vostra capillare conoscenza del territorio renderebbero questa nostra azione, in sinergia con i comuni, incisiva e completa».
Il presidente D'Alfonso ha poi accennato alla «indispensabile collaborazione con la Polizia quando la neve rende difficile la viabilità e la percorribilità delle strade regionali». Al tempo stesso il presidente della Giunta regionale ha fornito alla Polizia la collaborazione della Regione «nella possibilità di poter attingere a fondi di competenza regionale per acquistare mezzi e strumenti indispensabili per il lavoro di controllo e sicurezza del territorio regionale».