IN COMUNE

Fossacesia, in Comune debiti per 300 mila euro

Di Giuseppantonio: «quando ho lasciato nel 2009 c’era un attivo di 1,6 milioni»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2349

Fossacesia, in Comune debiti per 300 mila euro




FOSSACESIA. Situazione finanziaria in Comune, al passaggio delle consegne tra le due amministrazioni la cassa segna un meno 298mila euro, nel 2009 il saldo di cassa era in attivo di 1 milione 600mila euro.
E' questo in sintesi il dato più rilevante della verifica straordinaria di cassa effettuata, com'è prassi, a seguito dell'avvicendamento tra le due amministrazioni comunali della città, quella uscente dell'ex sindaco Fausto Stante e quella attuale guidata dal primo cittadino e Presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio.

In sostanza tale saldo negativo di cassa emerge dalle scritture economiche del Comune, risultante dal fondo cassa al 26 maggio, le reversali emesse e i mandati emessi e, più precisamente, è pari a -298.925,30 euro. Tutto ciò si evince dal documento sottoscritto il 18 giugno scorso dal sindaco Di Giuseppantonio e dall'ex primo cittadino Stante, nonché dal revisore dei conti, dal Segretario comunale, dai responsabili dei servizi finanziari e della contabilità e dal tesoriere comunale.

«Nel 2009, alla scadenza del secondo mandato del sindaco Di Giuseppantonio, la cassa comunale era in attivo di 1 milione 600mila euro, proprio quando la crisi stava lanciando i primi importanti segnali», ricorda il presidente della provincia. «Oggi, con l'attuale congiuntura economica, questa situazione richiede da una parte un maggiore impegno a intercettare i fondi a tutti i livelli, regionale, nazionale e comunitario, dall'altra l'attuazione di una politica di rigore per il contenimento della spesa: gli obiettivi saranno quindi rilanciare e ottimizzare le risorse e razionalizzare le entrate e le uscite».

E proprio in funzione della situazione finanziaria la Giunta Comunale, nei giorni scorsi, ha dovuto avvalersi di un beneficio che viene concesso ai Comuni: si tratta di un prestito pari a 249mila euro dalla Cassa Depositi e Prestiti che permetterà di pagare i debiti.