POLITICA

Montesilvano, «ripristinare agevolazioni Tari per i disabili»

La proposta di ‘L’Altra città’ consegnata ai consiglieri

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1528

Montesilvano, «ripristinare agevolazioni Tari per i disabili»




MONTESILVANO. Ieri mattina i referenti di ‘L’Altra città’ hanno protocollato e consegnato nelle cassette personali dei consiglieri di Montesilvano una proposta di delibera per rettificare la delibera sulla tariffa della Tari. Nella delibera tra le agevolazioni alle categorie disagiate quella relativa alla disabilità con handicap al 100% e accompagnamento è resa pressoché inutile in quanto il reddito ISEE posto come limite a 7000 euro ne escluderebbe una fetta consistente e probabilmente maggioritaria.
«Di sicuro», spiegano da ‘L’Altra città’, «molte delle persone che negli anni precedenti usufruivano di questa agevolazione con la norma così scritta non potranno usufruirne nuovamente e in tempi di crisi può essere un brutto colpo per chi magari vive solo con la pensione di invalidità ed indennità di accompagnamento. Sinceramente che il Comune debba far cassa su queste categorie appare a dir poco sconcertante, pertanto con la presente chiediamo una rettifica al deliberato di cui sopra modificandolo almeno nella parte riguardante l'agevolazione per i disabili al 100% che percepiscono indennità di accompagnamento e che quindi versano in condizioni gravi».
Il partito ha presentato dunque uno schema di delibera che potrebbe essere portato all'attenzione ed al voto del Consiglio Comunale in tempi brevissimi così da permettere all'ufficio tributi di analizzare le situazioni utilizzando il nuovo limite.
«Ci auguriamo che il consiglio comunale non voglia trincerarsi, pilatescamente, dietro le scelte del commissario prefettizio, ma che intervenga, in quanto ne ha ancora facoltà», aggiungono. «È bene che sulle imposte (Iuc, Tasi, Tari,…) si apra un dibattito pubblico. È tempo che sulla formazione del bilancio comunale si apra alla trasparenza e alla partecipazione».