AMBIENTE

Assessore Mazzocca a Roma per i problemi idrici del Fucino

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1648

Assessore Mazzocca a Roma per i problemi idrici del Fucino

Mario Mazzocca



ABRUZZO. Cercare soluzioni alle criticità riguardanti l'uso e la disponibilità della risorsa idrica nella Piana del Fucino.
E' stato questo il tema della riunione, svoltasi ieri a Roma, del Comitato Istituzionale dell'Autorità di Bacino, istituito presso il Ministero dell'Ambiente e presieduto dal Sottosegretario Barbara Degani, che ha visto la partecipazione dell'Assessore Mario Mazzocca. «La bonifica del Fucino (150 kmq) - spiega Mazzocca - una delle più impegnative opere di ingegneria idraulica realizzate in Italia, ha determinato nel tempo, da un lato l'affermarsi di un'area produttiva di valenza nazionale sia nel settore agricolo che nel campo della ricerca (Telespazio), dall'altro l'insorgere di problematiche sulle antropizzazioni in relazione ai mutamenti climatici in atto. Nello specifico, in occasione di eccezionali ma ormai ripetute avversità atmosferiche, diminuisce sensibilmente la capacità del fiume Liri di far defluire correttamente anche le acque dell'area fucense mettendo in seria discussione la sicurezza della Valle del Liri e della città di Sora».
«D'altro canto la Piana del Fucino, con la sua spiccata vocazione agricola intensiva, soffre ciclicamente di problemi di siccità e di carenza idrica, eventi per lo più dovuti al fatto che sia la risorsa idropotabile che quella irrigua hanno essenzialmente la medesima provenienza. Il progetto, pertanto, mira a trasformare le criticità in opportunità, trasformando i diversi problemi in risorsa per l'intera area».

 A Roma l'assessore Mazzocca ha preso parte anche alla riunione a Palazzo Chigi presso la Presidenza del Consiglio sul tema del dissesto idrogeologico, dove è stato affrontato uno dei punti cruciali del programma di governo della azione di riforma e di amministrazione per questa legislatura, con l'esame delle attività connesse al Decreto-Legge n. 91 del 24 giugno scorso, con il quale vengono affidati al Presidente della Regione l'incarico e le relative funzioni di Commissario di Governo in materia di competenze negli interventi inerenti il risanamento del dissesto idrogeologico.
«Ciò significa - spiega l'assessore - che, oltre al momento programmatorio e concertativo, tornerà in capo alla Regione anche la fase attuativa degli interventi, inclusi i procedimenti approvativi, con un innegabile miglioramento della tempistica sul piano dei rapporti con gli Enti locali e della semplificazione procedurale».
 I temi legati alla realizzazione dell'Agenda digitale sono stati invece al centro della terza riunione di ieri nella Capitale dove l'assessore Mazzocca, con il Direttore Regionale Ing. Longhi, ha partecipato alla presentazione del quadro di programmazione 2014-2020.
«Esso prevede - conclude Mazzocca - svariati interventi, fra cui la banda larga estesa all'intero territorio regionale, sistemi informativi regionali (iter amministrativi, vigilanza, SUAP regionale, edilizia, ecc.), oltre ai servizi di integrazione nel sistema informativo sanitario regionale, per un investimento complessivo di circa 30mln di euro».