PESCARA

Giunta Alessandrini, riunioni frenetiche tra sorprese ed esclusi

Enzo Del Vecchio vice sindaco?

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3929

Giunta Alessandrini, riunioni frenetiche tra sorprese ed esclusi

PESCARA. Sono giorni frenetici per la composizione della giunta del neo eletto sindaco di Pescara, Marco Alessandrini.

Uno sguardo ai voti ricevuti dai singoli consiglieri e uno sguardo agli equilibri interni alla maggioranza: la squadra di governo probabilmente non sarà ufficializzata prima della metà della prossima settimana.

Riunioni importantissime in programma lunedì e martedì. Negli stessi giorni è prevista anche la proclamazione degli eletti ma soprattutto la parola definitiva sui numeri esatti di voti raccolti dai singoli candidati. Dunque solo dopo aver conosciuto la composizione esatta del Consiglio si potrà procedere con il bilanciamento delle deleghe. Di sicuro Alessandrini non pescherà solo tra gli eletti ma anche tra politici di lungo corso non ricandidatisi o dalla società civile.

Come Camillo D’Angelo, consigliere uscente del Pd, ex vice sindaco nell’era D’Alfonso. D’Angelo non si è ricandidato ma il suo pare che sarà un ruolo di spicco di questa giunta: capo di Gabinetto. Alessandrini inoltre dovrebbe tenere per sé la delega al Bilancio che potrebbe essere seguita direttamente da D’Angelo che diventerebbe dunque una sorta di assessore degli assessori. Un posto in giunta sembra scontato anche per Antonio Blasioli, il candidato che ha ottenuto più preferenze (1520) e che al ballottaggio delle primarie si è ritirato facendo vincere di fatto Alessandrini. Lui vorrebbe occuparsi di traffico e viabilità ma il suo ruolo è ancora in fase di studio.

L’Urbanistica dovrebbe invece spettare ad Enzo Del Vecchio che nella passata legislatura ha seguito in prima linea il settore con la sua sferzante opposizione. A lui anche il ruolo di vice sindaco.  Quasi certo, a meno di imprevisti o piedi puntati, l’ingresso in giunta di Piernicola Teodoro che con la sua lista ha portato il 4,7% dei voti. Lui aspirerebbe alla delega alla polizia Municipale. Il più votato della lista è stato Massimiliano Pignoli ma in queste ore sembra esclusa una sua partecipazione alla squadra di governo nonostante le 1056 preferenze.

Due le donne elette che potrebbero entrare in giunta, Paola Marchegiani (già assessore alla Cultura con D’Alfonso) e Sandra Santavenere, ex responsabile del canile di Pescara. La terza e la quarta potrebbero provenire dalla società civile.

Poi c’è il caso Moreno Di Pietrantonio: l’ex assessore al Turismo continua a fantasticare su un suo ingresso in giunta . Vorrebbe occuparsi di sport, ha detto in una recente intervista alle reti locali. Eppure il suo nome fino ad oggi non è tra i ‘papabili’. Si starebbe comunque studiando una posizione che lo soddisfi. Stessa analisi per Giacomo Cuzzi  che ha ottenuto 857 voti. Una cifra che dal punto di vista politico «non può non essere considerata» ma che comunque pare non gli garantirà un assessorato, al massimo qualche Commissione di peso. C’è poi la questione del capogruppo della maggioranza che potrebbe essere ricoperto da Marco Presutti, ex portavoce di D’Alfonso. Ma anche questa è una poltrona che ‘scotta’ e che potrebbe essere usata per far accomodare qualcuno dei big esclusi.

Alessandro Biancardi