RICOSTRUZIONE?

Sisma L'Aquila: Porta Barete sarà riaperta

La senatrice Blundo (M5S) soddisfatta per esito incontro pubblico

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1831

Sisma L'Aquila: Porta Barete sarà riaperta




L'AQUILA. Sarà garantita la riapertura di Porta Barete, all'Aquila, ma non la sua fruibilità.
Lo ha detto la soprintendente per i Beni Architettonici e Paesaggistici Alessandra Vittorini nel dibattito pubblico di ieri sulla riqualificazione dell'area promosso dalla senatrice del M5S, Enza Blundo; presenti anche il Direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici Fabrizio Magani, l'Assessore ai Lavori Pubblici Alfredo Moroni e numerosi cittadini.
«Vittorini - ha detto la senatrice del M5S - ha aggiunto che la non fruibilità è in osservanza del limite di rispetto previsto per la preservazione della cinta muraria; inoltre verrà predisposta la ricostruzione in loco del civico 207, sebbene in precedenza non disponesse di requisiti di idoneità, a tutela delle richieste e dei diritti dei singoli proprietari».
«Il Direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici Fabrizio Magani - ha aggiunto Blundo - ha dichiarato di aver recepito le indicazioni date dall'Amministrazione Comunale e di aver predisposto ogni intervento di competenza regionale, in risposta anche al pressante ed apprezzabile senso di unione civica che si sta riscontrando a difesa di questo emblema così controverso della travagliata storia della nostra città».
Infine, per quanto riguarda l'assessore comunale Moroni, «a parziale risposta della mia istanza di chiarimenti ancora inevasa e di nuovo da me ieri presentata - ha concluso il senatore del M5S -, dichiarando ripetutamente la sua posizione favorevole alla riscoperta e fruizione totale della Porta, ha quantificato in 180 mila euro la somma che occorrerebbe per la rimozione del terrapieno di Via Roma, ormai quasi del tutto completato, per attenersi ad una ridefinizione in chiave artistica e storica dell'ingresso ovest della città così come proposto da monsignor Antonini. E' mia intenzione - ha concluso Brundo - attivare un tavolo per verificare la fattibilità del progetto in concertazione con tutti gli inquilini del civico 207, alla presenza del Sindaco Cialente, dell'Assessore Di Stefano e del Commissario Paolo Aielli, così come richiesto durante i numerosi interventi nel dibattito».