VERSO IL VOTO

Montesilvano sostenibile, come la immaginano i candidati sindaci?

Il coordinamento locale invia documento agli aspiranti amministratori

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1958

Montesilvano sostenibile, come la immaginano i candidati sindaci?

 

 

 

MONTESILVANO. Mobilità sostenibile, come la pensano i candidati sindaco di Montesilvano?

Il coordinamento Montesilvano sostenibile ha proposto ai candidati un documento con le richieste per un Piano sui temi di Urbanistica, Mobilità, Ambiente, Area metropolitana, con una visione sostenibile che faccia riferimento alle battaglie condotte su questi temi negli ultimi anni da associazioni ambientaliste locali, professionisti ed esponenti della società civile.

Tra le richieste nuove regole per l'urbanistica, un nuovo Prg partecipato, il riuso dell’A14 come asse attrezzato, trasporto pubblico sulla strada parco, pedonalizzazione sulla riviera, sì al referendum Grande Pescara.
Quasi tutti i candidati sindaco hanno accolta buona parte delle proposte contenute nel documento inserendole nei propri programmi elettorali, soprattutto sui temi della mobilità e dell'ambiente, con minore adesione per i temi di urbanistica e area vasta.
Il sindaco uscente Attilio Di Mattia (Montesilvano che vogliamo) ha risposto con un messaggio che è «d'accordo su tutto il contenuto del documento proposto» anche se il coordinamento Montesilvano sostenibile replica di non essere d'accordo con lui sulla passata proposta di riciclaggio dei rifiuti con tecnologia Arrow Bio.
Francesco Maragno (coalizione di Centrodestra) ha risposto con una breve nota, come richiesto. Diverse indicazioni sono incluse nel suo programma elettorale anche se secondo il coordinamento avrebbe dovuto «spendere qualcosa in più sul tema delle regole dell'urbanistica, vista la drammatica storia passata di questa citta e la condizione attuale». Maragno è contrario al progetto Grande Pescara.
Lorenzo Colazzilli (Montesilvano l'Altra Città) ha inviato una lunga risposta. Condivide molte proposte, ma sull'urbanistica afferma che «non è sufficiente una variante al PP1  ma è urgente l'adozione di un nuovo PRG». Manuel Anelli (Movimento 5 Stelle) ha accolto molte proposte nel suo programma elettorale ma su alcuni temi è in disaccordo o dubbioso. Sulla proposta dell'uso della strada parco per il trasporto pubblico è sensibile alle richieste dei comitati contro la filovia, mentre sulla proposta di riuso dell'A14 come asse attrezzato Nord il tema va approfondito.

Lino Ruggero (coalizione di centrosinistra) non ha risposto direttamente alla richiesta. Ma nel programma della coalizione il coordinamento ha trovato molte delle sue idee.  «Tuttavia sarebbe stato auspicabile», spiegano i promotori dell’iniziativa, «una risposta diretta su che cosa la nuova Giunta si impegna a cambiare rispetto alle precedenti amministrazioni, dando agli elettori specifiche garanzie ed impegni».