IN COMUNE

San Salvo, approvato il bilancio ‘sperimentale’ di previsione

Magnacca: «largo anticipo rispetto agli altri comuni»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3306

San Salvo, approvato il bilancio ‘sperimentale’ di previsione




SAN SALVO. Anche per il 2014 il Comune di San Salvo ha approvato il bilancio di previsione con ampio anticipo rispetto alla gran parte delle amministrazioni comunali della regione.
«Un bilancio solido, vero e trasparente», commentano da Palazzo di Città, «che mette in sicurezza i conti e quindi l’intera città». San Salvo è tra le uniche città che approva il bilancio di previsione 2014 “sperimentale “ (sarà obbligatorio per tutti i comuni solo dal 2015).
«Questa scelta di impegno e di coraggio – commenta il sindaco Tiziana Magnacca - ci ha consentito di eliminare quasi del tutto gli effetti pregiudizievoli del tanto contestato patto di stabilità, che, come tutti sanno, è un vero laccio al piede per tutte le amministrazioni. Se non avessimo operato questa scelta, non avremmo potuto effettuare neppure un mimimo di investimenti».
Anche il bilancio 2014 si caratterizza fortemente per gli ulteriori tagli ai trasferimenti dallo Stato che sono passati in pochissimi anni da 4 milioni di euro del 2010 agli attuali 400mila euro. «Lo Stato ci chiede di essere autonomi finanziariamente, e , allo stesso tempo, impone nuove tasse e trattiene per se quelle comunali (vedasi l’Imu dei capannoni: 4.751.000 euro che sono incassati dallo stato anziché restare ai cittadini di San Salvo)».
L’impegno dell’amministrazione è stato quello di tagliare la spesa improduttiva, senza tagliare servizi, posti di lavoro, ma soprattutto contenendo la pressione fiscale, in un Comune in cui ancora molto pesano i mutui accesi negli anni precedenti. La spesa annuale degli interessi sui mutui per il 2014 sarà di 602.785 euro oltre euro per il rimborso della quota capitaria per 874.190 euro.
Per volontà dello Stato centrale il Comune di San Salvo ha dovuto adottare la Iuc (Imposta unica comunale) che di fatto ne rappresenta tre con l’Imu (viene confermata al stessa tariffa), la Tasi (la nuova tassa sulla casa) e la Tari (tassa sui rifiuti).
Un bilancio che vedrà un consistente piano delle opere pubbliche con investimenti per 9 milioni di euro nel triennio 2014/2016. «Lo Stato non investe e non ci aiuta a farlo: lo faremo noi come stimolo non solo all’economia del territorio ma anche come strumento di miglioramento della qualità della vita della nostra comunità», chiude Magnacca.
Tra i dati emerge la diminuzione dell’indebitamento per i mutui contratti dalle precedenti amministrazioni passando dai 716,45 euro per cittadino del 2013 ai 664,69 del 2013; migliora il rapporto tra il numero dei dipendenti e la popolazione residente passando da 221 a 199 euro per cittadino .

 

OK AL PIANO TRIENNALE DELLE OPERE
Il programma triennale 2014-2016 delle opere pubbliche del Comune di San Salvo, approvato oggi in Consiglio comunale, prevede solo per quest’anno 6 milioni di euro. Tra questi:  sistemazione e adeguamento lungomare Rione Marina 500.000 €; riqualificazione isola archeologica piazza San Vitale 350.000 €; progetto pista ciclo pedonale con stazione bike sharing secondo lotto 670.000 €;  valorizzazione edificio storico Bruno Di Iorio e riqualificazione-completamento parco archeologico del quadrilatero 500.000 €; riqualificazione ex caserma dei Carabinieri in corso Garibaldi 230.000 €;  realizzazione 11ˆ lotto cimitero – abbattimento e ricostruzione loculi vecchio cimitero 350.000 €; realizzazione parcheggi pubblici piazza Amendola e riqualificazione aree urbane 3.000.000 €; palestra polifunzionale polo scolastico via Ripalta 300.000 €.
OK AL PIANO TRIENNALE DELLE OPERE

 

Il programma triennale 2014-2016 delle opere pubbliche del Comune di San Salvo, approvato oggi in Consiglio comunale, prevede solo per quest’anno 6 milioni di euro. Tra questi:  sistemazione e adeguamento lungomare Rione Marina 500.000 €; riqualificazione isola archeologica piazza San Vitale 350.000 €; progetto pista ciclo pedonale con stazione bike sharing secondo lotto 670.000 €;  valorizzazione edificio storico Bruno Di Iorio e riqualificazione-completamento parco archeologico del quadrilatero 500.000 €; riqualificazione ex caserma dei Carabinieri in corso Garibaldi 230.000 €;  realizzazione 11ˆ lotto cimitero – abbattimento e ricostruzione loculi vecchio cimitero 350.000 €; realizzazione parcheggi pubblici piazza Amendola e riqualificazione aree urbane 3.000.000 €; palestra polifunzionale polo scolastico via Ripalta 300.000 €.