POLITICA

Rifiuti Pianella, opposizione contesta: «le spiegazioni del Comune solo dopo le sanzioni»

Filippone e Di Tonto: «la vera novità è il nostro emendamento»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2178

Rifiuti Pianella, opposizione contesta: «le spiegazioni del Comune solo dopo le sanzioni»




PIANELLA. Nei mesi scorsi a Pianella molti cittadini si sono visti recapitare a casa pesanti sanzioni amministrative a causa delle violazioni sulla modalità di raccolta differenziata.
Solo a partire dal 20 marzo 2014 però l’amministrazione comunale ha dato il via alle riunioni esplicative sulle modalità di raccolta differenziata.
«In sostanza le spiegazioni sono arrivate dopo le sanzioni», protestano i consiglieri del gruppo Pianella Amica Gianni Filippone e Massimo Di Tonto che aggiungono: «sul sito del Comune di Pianella alla sezione informazioni – ambiente, risulta tutt’ora il calendario della raccolta differenziata con le relative modalità predisposto dalla Ecologica S.r.l., ditta appaltatrice che da circa un anno non svolge più il servizio per il Comune di Pianella. Difatti da circa un anno l’appalto viene svolto dalla Consac S.r.l., la quale ha istituito un calendario con modalità di raccolta non del tutto simili al precedente. Di talché per chi dopo 4 anni di servizio della Ecologica S.r.l. aveva assunto un’abitudine, risulta facile incorrere in errore». «Sono state dunque le innumerevoli lamentele dei cittadini colpiti ingiustamente da sonore multe», insistono i due, «ad indurre l’amministrazione a rivisitare il regolamento comunale sulla raccolta dei rifiuti con il nuovo apparato sanzionatorio, il quale è più tenue con i cittadini e più severo con i foresti che vengono a scaricare spazzatura sul territorio del Comune di Pianella. La vera novità del novellato regolamento comunale è stato l’inserimento dell’art. 61 comma 6 bis, attraverso l’emendamento presentato dal Gruppo Pianella Amica. Con tale comma si è voluto favorire i cittadini di Pianella prevedendo che in caso di accertamento della prima violazione, il trasgressore non verrà sanzionato ma, il Corpo di Polizia Municipale, provvederà a redigere e far pervenire allo stesso un’ammonizione scritta».